Eventi

Se desideri promuovere uno o più eventi nel nostro sito clicca qui e inserisci le informazioni necessarie.

settembre – ottobre 2013

set
16
lun
2013
Patrizia Cavalli legge DATURA @ Studio Stefania Miscetti
set 16 @ 18:30 – 20:30
Patrizia Cavalli legge DATURA @ Studio Stefania Miscetti | Roma | Roma | Italia

Patrizia Cavalli legge alcune poesie dalla sua ultima raccolta Datura, edita da Einaudi nella galleria che ospita la sua mostra I miei splendidi giorni tutti uguali

lunedì 16 settembre ore 18.30 – 19.30 – 20.30  

INFORMAZIONI: 
data la disponibilità limitata dei posti si prega di prenotare inviando una mail all’indirizzo info@studiostefaniamiscetti.com indicando un orario a scelta tra le 18.30 – 19.30 – 20.30  

STUDIO STEFANIA MISCETTI
via delle Mantellate, 14 – 00165 Roma

Tel fax: +39 06 68805880
info@studiostefaniamiscetti.com
www.studiostefaniamiscetti.com

 

PATRIZIA CAVALLI
I miei splendidi giorni tutti uguali
liste, stagnole e manoscritti

apertura: da lunedì a venerdì dalle 16.00 alle 20.00
sabato su appuntamento
fino al 27 settembre

 

Studio Stefania Miscetti è lieta di ospitare I miei splendidi giorni tutti uguali di PATRIZIA CAVALLI, una mostra di liste, stagnole e manoscritti, per la prima volta esposti al pubblico.
Patrizia Cavalli nel mettere in ordine le sue carte ha deciso di conservare le numerose liste quotidiane che  da anni ha l’abitudine di scrivere, insieme ad una serie di  carte stagnole dove l’intenzione e il caso hanno lasciato le loro tracce.
I numerosi manoscritti di poesie, pubblicate ed inedite, messe in mostra nella fisicità della scrittura, degli errori, delle correzioni e degli appunti extraterritoriali appartengono ad un analogo sistema di forze dell’intenzione e del caso.
Pezzi unici per giorni unici che sembrano uguali ma non lo sono, come sempre accade quando una materia, qualunque sia, accoglie i nostri gesti provvisori e nel trattenerli se ne impressiona rendendo visibile l’unicità di questo incontro, dove la volontà astratta si solidifica e la materia inerte si anima. Tutto ciò che è generato da questa bella unione possiede una tale convincente capacità di esistere che a noi non resta che guardarlo. (Patrizia Cavalli)

Patrizia Cavalli è nata a Todi e vive a Roma. Ha pubblicato presso l’editore Einaudi Le mie poesie non cambieranno il mondo (1974); Il cielo (1981);Poesie (1992); Sempre aperto teatro (1999); Pigre divinità e pigra sorte (2006)  Datura (2013); presso le edizioni Nottetempo i poemetti La Guardiana (2005) e La patria(2011). Ha vinto diversi premi tra cui Viareggio Repaci, Pasolini, Dessì, Lerici Pea, De Sanctis e Monselice. Ha scritto radiodrammi per la RAI e ha tradotto per il teatro Shakespeare (La tempestaSogno di una notte d’estate, Otello, Einaudi,1996); Wilde (Salome, Mondadori, 2002); Molière (Anfitrione, Einaudi, 2010), e in versione ritmica La tragedie de Carmen di Peter Brook. Ha recentemente pubblicato Flighty Matters, poesie sulla moda in edizione bilingue (Quodlibet, 2012). Presso Voland edizioni è uscito, nel novembre 2012, Al cuore fa bene far le scale, un libro con cd di poesie e canzoni musicate e cantate da Diana Tejera. Le sue poesie sono state tradotte in varie lingue, tra cui il francese, l’inglese e lo spagnolo.  Nel settembre 2013 uscirà presso Farrar Straus  My Poems Won’t Change the World- Selected Poems.

set
19
gio
2013
FLEP! Festival delle letterature popolari @ Aranciera Semenzaio di San Sito
set 19 @ 16:30 – set 21 @ 00:00
FLEP! Festival delle letterature popolari @ Aranciera Semenzaio di San Sito | Roma | Lazio | Italia

Il Festival delle Letterature Popolari, nato nel 2012, partiva dall’esigenza di sensibilizzare la società civile ai valori culturali della nostra tradizione letteraria e artistica, intesa come quella narrazione che costituisce la base stessa di una collettività.

La seconda edizione del FLEP! rappresenta un nucleo di sfide che muovono i loro passi da una serra: un luogo che nutre e protegge, che coltiva il sapere e la sua narrazione in un’ottica di divulgazione libera.

Prendiamo un lettore libero e poniamolo di fronte alla biblioteca dei libri illuminata dalla luce naturale, dall’atto essenzialmente umano di fare cultura, e avremo disegnato quel nucleo di sfide che aprono nuove strade in un mondo editoriale allo sbando.

Ripartiamo da questa idea di epica della conoscenza, proponendo ai lettori un programma di incontri, di presentazioni, di storie che hanno in comune una vitalità non ufficializzata, e soprattutto un’idea di fruizione popolare, libera da quei confini imposti come leggi.

Con questa edizione del Flep! TerraNullius festeggia i suoi dieci anni di vita, anni difficili ed esaltanti, anni di strade che si sono incrociate e che hanno formato il primo nucleo di un labirinto che speriamo possa svilupparsi ancora, nello spazio, nel tempo, nelle dimensioni invisibili dell’immaginazione. Per celebrare questa ricorrenza gli autori ospiti del Flep! verranno accompagnati nelle presentazioni dagli autori che nell’ultimo anno hanno dato vita al progetto TerraNullius, per ricordare a tutti che leggere e raccontare, in fondo, sono la stessa cosa, la stessa tela intrecciata con fili d’oro e con fili di paglia, la stessa tela intrecciata e disfatta, lo stesso inganno.

Informazioni generali
La seconda edizione del Festival delle Letterature Popolari è organizzata dagli autori di TerraNullius, col patrocinio della Presidenza della Regione Lazio.

Il Flep! si svolge nei giorni 19, 20, 21, 22 settembre dalle ore 16:30 presso L’Aranciera Semenzaio di San Sito, in via Valle delle Camene, 11, Roma (Terme di Caracalla).

L’ingresso e la fruizione a tutte le attività del Flep! sono gratuiti. Il festival è autofinanziato dagli autori di TerraNullius e non riceve alcun compenso da organizzazioni pubbliche o private.

 

Come raggiungere il FLEP! No barriere architettoniche/Bikes very friendly/Cani al guinzaglio
 L’ingresso al pubblico è sito in via Valle delle Camene, 11, davanti al complesso monumentale delle Terme di Caracalla.

set
20
ven
2013
Vianeggiamenti @ Libreria Altroquando
set 20 @ 21:30 – 23:30

boris-vian
Questa storia è totalmente vera,
 perché io me la sono inventata da capo a piedi.
Boris Vian

Dopo anni di lavoro Michel Gondry ha realizzato un sogno: trasformare in immagini, volti, suoni e colori il capolavoro di Boris Vian, La schiuma dei giorni.
Il 12 settembre approda nelle sale italiane Mood IndigoLa schiuma dei giorni.
Il budget è di venti milioni di euro, il cast famoso e raffinato, gli effetti clamorosi, il film… assolutamente da vedere, anche per chiedersi che faccia farebbe Boris Vian, che è morto di crepacuore proprio durante la prima del film tratto da un altro suo romanzo, Sputerò sulle vostre tombe.
Una splendida occasione per rituffarsi nella magia della “più bella storia d’amore di tutti i tempi”.

In occasione dell’uscita del film in Italia, Marcos y Marcos presenta:

Vianeggiamenti
tra LA SCHIUMA DEI GIORNI di Boris Vian e
MOOD INDIGO La Schiuma dei giorni di Michel Gondry 

Un’ora di lettureascolti e visioniun viaggio nel mondo fantastico di Boris Vian.

Un omaggio a Boris Vian, uno spettacolo che alterna letture di testi tratti dalla Schiuma dei giorni, spezzoni scelti del film di Michel Gondry e musiche di Duke Ellington.

Venerdì 13
Cagliari – Piazza Repubblica Libri

Sabato 14
Catanzaro – Libreria Ubik
Lucca – Libreria Ubik

Mercoledì 18
Pisogne (BS) – Libreria Punto a capo

Venerdì 20

Roma – Libreria Altroquando

Sabato 21
Pisa – Cinema Arsenale (in collaborazione con Libreria Fogola)

Martedì 24
Porto Sant’Elipido (AP) – Libreria Il gatto con gli stivali

Mercoledì 25
Palermo – Festival Libri e Musica (a cura di Modusvivendi e degli Amici della Musica di Palermo)

Venerdì 27
Napoli – Libreria Ubik
San Daniele del Friuli (UD) – Libreria W. Meister

I vianeggiamenti continueranno a Savona e Torino

 

Roberta Solari
Ufficio stampa Marcos y Marcos
via Piranesi 10, 20137 Milano
tel. 02 29515688 fax 02 29516781
roberta.solari@marcosymarcos.com
www.marcosymarcos.com
www.letteraturarinnovabile.com

 

ott
10
gio
2013
LOGOS 2013 Festival della Parola @ C.S.O.A Ex Snia - Parco delle energie
ott 10 @ 13:00 – ott 13 @ 14:00

Ci si appropria di una città fuggendo o avanzando nellalternarsi delle cariche, molto più che giocando da bambini per le sue strade o passeggiandovi più tardi con una ragazza. Nellora della rivolta non si è più soli nella città.

da  Spartakus o della rivolta di  Furio Jesi

 

Logos – Festa della Parola arriva alla sua terza edizione. Dal 10 al 13 ottobre negli spazi del csoa eXSnia tornano a  condividere e scoprire le parole, comporre o ricomporre un vocabolario comune con cui chiamare, descrivere, evocare il mondo che vogliamo vivere.

ban2

La parola di quest’anno è CITTÁ. Dalle esperienze delle metropoli in rivolta all’analisi del nuovo urbanesimo nella globalizzazione, dalla sperimentazione di nuovi interventi dal basso per la riappropriazione e l’autonomia, alla socializzazione delle esperienze di lotta in merito alle vertenze legate al diritto all’abitare e alla salute, alla mobilità, l’energia e il ciclo dei rifiuti, l’idea è di percorrere vari fili narrativi per riconoscere i diversi nodi della città totalitaria, della metropoli come mercato e dei territorio come merce.

Davanti al vincolo di uno sviluppo insostenibile per il pianeta e l’uomo, imposto dal capitalismo globalizzato attraverso il consumismo, l’urbanistica e la guerra è necessario ipotizzare e tentare un nuovo internazionalismo che parli la stessa lingua, e si sappia esprimere in una rivolta globale.

mokeup2

Logos è anche un’ecofesta: dall’assunzione del ciclo dei rifiuti con le quattro R (Riduzione, Recupero, Riuso e Riciclo), al consumo energetico mantenuto basso per scelta, le bevande sono distribuite in bicchieri riutilizzabili e i cibi in stoviglie compostabili, ogni partecipante è soggetto attivo in un progetto in evoluzione. Il menu è stato studiato per contribuire alla riduzione di Co2 nell’atmosfera e di sostanze nocive nell’ambiente. Le pietanze preparate sono a basso consumo di carne, con prodotti a km zero e provenienti da agricoltura contadina e naturale. La festa è interamente alimentata a energia solare, grazie agli impianti fotovoltaici del Parco delle Energie, quello che si consuma si produce per l’autosufficienza energetica.

www.logofest.org

www.exsnia.it

ott
15
mar
2013
CARO CALVINO @ ​CASA DELLE LETTERATURE
ott 15 @ 18:30 – 20:30
CARO CALVINO @ ​CASA DELLE LETTERATURE | Roma | ROMA | Italia

Il 15 ottobre 2013 Italo Calvino avrebbe compiuto 90 anni. La Casa delle Letterature di Roma e la rivista Orlando Esplorazioni lo festeggiano con una serie di iniziative che avranno luogo nella sede della Casa delle Letterature dal 15 al 25 ottobre.
Un percorso espositivo con i lavori di giovani artisti, illustratori, fotografi ispirati all’universo di Calvino: il suo volto, le sue storie, le sue invenzioni. Una serata – il 15 ottobre alle ore 18,30 – di presentazione del numero monografico della rivista Orlando dedicato a Calvino, con la lettura delle domande e dei pensieri che alcuni scrittori e critici italiani – da Sandro Veronesi a Melania G. Mazzucco, da Giulio Ferroni a Valerio Magrelli, da Dacia Maraini a Nicola Lagioia – hanno indirizzato a un ipotetico Calvino novantenne. Intenzione di Casa delle Letterature è inoltre quella di dedicare il giardino degli aranci sito all’interno del meraviglioso complesso borrominiano alla memoria di Calvino, appassionato di agronomia e botanica per via familiare (la madre Eva Mameli è stata una grande naturalista e botanica e il padre Giacomo un agronomo).

Caro Calvino. Parole e immagini per i novant’anni di uno scrittore è la festa di compleanno per lo scrittore italiano del secondo Novecento più conosciuto nel mondo: i suoi libri continuano a offrire spunti e illuminazioni, chiavi per affrontare il presente in tutte le direzioni. La sua lingua trasparente, la sua curiosità verso il mondo, la capacità di mettere a contatto diversi spazi della mente e della conoscenza fanno di Calvino un autore che è impossibile smettere di interrogare. Come ha scritto Marco Belpoliti per questo novantesimo “compleanno”, Calvino «ha scritto per un lettore che ne sapeva più di lui. Un lettore ipotetico. In un’epoca in cui tutti scrivono per un lettore che ne sa meno di lui (al ribasso!), Calvino ha alzato la posta. Scrittore politico non meno di Pasolini e Volponi, ha sempre pensato che la letteratura non poteva stare a sé, fuori dalla mischia e dai saperi plurali e complessi come scienza, antropologia, filosofia. Un artigiano del pensiero. Leggerlo e rileggerlo è sempre un piacere, una scoperta, un investimento sul futuro».

vernissage: 15 ottobre h18:30

CASA DELLE LETTERATURE

​ Piazza Dell’Orologio 3
+39 0668134697

http://www.casadelleletterature.it/online/ | casadelleletterature@comune.roma.it

ott
19
sab
2013
BUONA LA PRIMA! 20 copertine riuscite giudicate da chi se ne intende @ Frigoriferi Milanesi
ott 19 – ott 20 all-day
BUONA LA PRIMA! 20 copertine riuscite giudicate da chi se ne intende @ Frigoriferi Milanesi | Milano | Lombardia | Italia

Dopo il successo riscosso a Bologna in occasione di Artelibro, la mostra BUONA LA PRIMA! 20 copertine riuscite giudicate da chi se ne intende, a cura di Stefano Salis, fa tappa a Milano il 19 e 20 ottobre 2013 nell’ambito del Festival Writers. Gli scrittori (si) raccontano (Frigoriferi Milanesi, via Piranesi, 10 – Milano). Un gruppo di esperti, selezionati tra coloro che si occupano per professione di grafica, comunicazione visiva, editoria, hanno selezionato 20 copertine italiane uscite da settembre 2012 a settembre 2013 senza limitazioni tra fiction, manuali, saggi, arte, illustrati. L’unico vincolo formale che è stato chiesto ai “giudici” è stato quello di considerare la qualità della copertina: non la bellezza, non l’estetica fine a se stessa, meno che mai il contenuto del libro, ma proprio il risultato finale concreto e tangibile, nella sua matericità, e nella sua “funzione” di copertina di un libro. 20 i giudici coinvolti, tutti esperti, tutti addetti ai lavori, anche se in diversi modi, e con esigenze differenti. C’è chi nota l’illustrazione, chi la perspicuità del progetto grafico, chi la possibilità di resa commerciale, senza dubbio uno degli elementi guida in una copertina. Il risultato è una mostra che non punta sull’astratta grafica editoriale, ma sugli oggetti concreti come sono le copertine dei libri, per far vedere come funzionano, come si costruiscono, si pensano e come interagiscono con i fruitori.

BUONA LA PRIMA! è un progetto itinerante nato nell’ambito di Artelibro Festival del Libro d’Arte.

Il catalogo della mostra è in vendita presso la Libreria Centofiori (Piazzale Dateo, 5 – Milano). 

La mostra è stata realizzata con la partecipazione dei giudici: Marco Belpoliti, Alice Beniero, Enza Campino, Francesco M. Cataluccio, Maurizio Ceccato, Matteo Codignola, Marzia Corraini, Riccardo Falcinelli, Beppe Finessi, Andrea Kerbaker, Alberto Lecaldano, Italo Lupi, Maria Grazia Mazzitelli, Federico Novaro, Domenico Rosa, Stefano Salis, Marco Sammicheli, Guido Scarabottolo, Leonardo Sonnoli, Olimpia Zagnoli.

Le copertine finaliste:

Kyle Gann, Il silenzio non esiste, ISBN, Milano
Hakan Nesser, La rondine, il gatto, la rosa, la morte, Guanda, Milano
Maurizio De Giovanni, Il metodo del coccodrillo, Mondadori, Milano
Virginia Woolf, Freshwater, Nottetempo, Roma
Nicolò Pellizzon, Lezioni di anatomia, Grrrzetic, Genova
Philip Hoare, Il Leviatano, Einaudi, Torino
Collana Classici Bur, Milano
Luciano Canfora, Il mondo di Atene, Laterza, Roma-Bari
Henry Miller, Opus pistorum, Feltrinelli Ue, Milano
Zygmunt Bauman, Danni collaterali, Laterza, Roma-Bari
Timur Vermes, Lui è tornato, Bompiani, Milano
John McPhee, Tennis, Adelphi, Milano
Haruki Murakami, Kafka sulla spiaggia, Einaudi (Super ET), Torino
Simone Bisantino, Il ragazzo a quattro zampe, Caratteri Mobili, Bari
Kim Leine, Il fiordo dell’eternità, Guanda, Milano
Dino Baldi, Marina Ballo Charmet, Oracoli, santuari e altri prodigi, Quolibet Humboldt, Macerata
Concita De Gregorio, Io vi maledico, Einaudi, Torino
Reversibility, Mousse Publishing, Milano
Andrea Moro, Parlo dunque sono, Adelphi, Milano

ott
24
gio
2013
IV DOCTORCLIP | ROMAPOESIA FILM FESTIVAL @ Nuovo Cinema Aquila
ott 24 @ 18:30 – ott 25 @ 22:30
IV DOCTORCLIP | ROMAPOESIA FILM FESTIVAL @ Nuovo Cinema Aquila | Roma | Lazio | Italia

DOCTORCLIP
ROMAPOESIA FILM FESTIVAL
Ai confini della parola
IV edizione
giovedi 24 e venerdi 25 Ottobre 2013
Nuovo Cinema Aquila – Roma
INGRESSO GRATUITO 

Giovedi 24 e venerdi 25 ottobre il Nuovo Cinema Aquila ospiterà la quarta edizione di DOCTORCLIP, Romapoesia Film Festival 2013, due giorni ai confini della parola: con una ricca scelta di proiezioni tra poesia e videoarte, con le selezioni dai festival internazionali di Oslo e Berlino, i reading a microfono aperto e con la straordinaria partecipazione di Amiri Baraka, ospite d’onore e presidente di giuria che sarà protagonista di una performance poetica dal vivo nella serata conclusiva.

DOCTORCLIP è il primo festival italiano di videopoesia, appuntamento biennale dedicato all’esplorazione dei territori di confine della parola e delle arti visive. La contaminazione diventa oggi condizione per la sopravvivenza di un’identità della parola poetica, non più univoca ma multiforme, caleidoscopica, di confine.
Le migliori opere pervenute da ogni angolo del mondo si misurano e sono giudicate da una giuria internazionale che assegna il DOCTORCLIP Award.
Per l’edizione 2013 la giuria è composta dall’ospite d’onore Amiri Baraka, dai direttori artistici di due tra i più importanti festival internazionali di poetry film (Thomas Zandegiacomo per Zebra Berlino e Birgit Hatlehol per Oslopoesie), da Marco Maria Gazzano e Caterina Davinio, che racconteranno il cinquantenario della videoarte.

Che cosa è la videopoesia? E’ l’esplosione di un confine, quello del libro come luogo privilegiato per l’espressione poetica, quello del “clip” come spot o come videoclip musicale. Così la videopoesia è un luogo figurato che racconta la sperimentazione ai confini tra i linguaggi delle arti visive e della parola, in cui le leggi e le regole possono essere persino capovolte. DOCTORCLIP racconta un limite: due giorni per affermare che una linea di confine, specialmente nel mondo dell’arte, nell’istante in cui viene tracciata, contiene in sé la propria cancellazione, che la deflagrazione è già in atto al momento della definizione di un “proprio” non contaminato dall’“altro” (arte visiva, video, musica).

Quest’anno DOCTORCLIP inaugura una collaborazione con il Dipartimento di Comunicazione e Spettacolo dell’Università Roma Tre, per far conoscere questa nuova forma d’arte di confine ai giovani universitari.

Romapoesia nasce nel 1997 con un grande reading internazionale in piazza del Campidoglio. Da allora il festival ha presentato più di mille poeti. Ha favorito centinaia di debutti, assistendo alla nascita di alcuni dei più significativi poeti e performer di nuova generazione. Ha proposto per la prima volta in Italia le notti rave di poesia. Ha iniziato e diffuso lo slam di poesia. Ha esplorato i rapporti tra parola parlata e arti del tempo come la musica, il cinema, la danza. Ha indagato la relazione con l’arte visiva e il teatro: la poesia è uscita dalla pagina, è diventata corpo. Romapoesia ha collaborato alla creazione di un network internazionale che vede in rete tra gli altri i festival di Berlino, Barcellona, Glasgow, Manchester, Vienna, Oslo, Belgrado, Parigi, Lione, Rio de Janeiro, San Paolo. Dal 2005 Romapoesia propone il concorso internazionale DOCTORCLIP, che negli anni ha visto una straordinaria partecipazione di pubblico, portando nella capitale film e artisti di rilievo internazionale provenienti dai cinque continenti.

La manifestazione è realizzata con il sostegno di Roma Capitale 

Programma
Giovedì 24 Ottobre
Sala Pasolini ore 18.30
Focus on Zebra Poetry Film Festival: il meglio dell’edizione 2012.
Con Thomas Zandegiacomo, dal 2006 project manager del festival di videopoesia più prestigioso d’Europa. 60’

Foyer ore 19.30
Aperitivo a cura di foodhouse

Sala Pasolini ore 20.15
DOCTORCLIP Panoramas - sezione fuoriconcorso del DOCTORCLIP 2013. 60’

Sala Pasolini ore 21.30
“50 (anni) per dire videoarte” – Retrospettiva sul cinquantenario della videoarte a cura di Marco Maria Gazzano – Università Roma Tre. 60’

Venerdì 25 Ottobre
Sala Pasolini ore 18.30
Focus on Scandinavian Poetry Filma cura di Oslopoesie festival
Birgit Hatlehol, direttrice di Oslopoesie, presenta i migliori film di poesia dai paesi scandinavi. 60’

Foyer ore 19.30
Aperitivo a cura di foodhouse
Reading a microfono aperto

Sala Magnani ore 20.30
DOCTORCLIP – il primo festival italiano di videopoesia – 100’
Proiezione dei dieci video finalisti della quarta edizione.
Con la straordinaria presenza di Amiri Baraka.
Premiazione dei vincitori.

Tutte le opere saranno proiettate in lingua originale con sottotitoli in inglese 

INGRESSO GRATUITO

INFO
www.DOCTORCLIP.org
info@DOCTORCLIP.org
+39 3398177117
+39 4825761

Relazioni con la stampa:
Maurizio Quattrini  tel. 338/8485333
maurizioquattrini@yahoo.it

Antonella Bartoli tel. 339 7560222
bartoli.anto@gmail.com

ott
29
mar
2013
INCONTRO CON LO SCRITTORE NICOLAI LILIN @ CCCS- Centro di Cultura Contemporanea Strozzina - Palazzo Strozzi
ott 29 @ 17:30 – 18:30
INCONTRO  CON LO SCRITTORE  NICOLAI LILIN @ CCCS- Centro di Cultura Contemporanea Strozzina - Palazzo Strozzi | Firenze | Toscana | Italia

Nicolai Lilin, autore di Educazione Siberiana (2009), Caduta libera (2010), Il respiro del buio (2011), Storie sulla pelle (2012), racconta un “continente”, le cui tradizioni sono state rese note al mondo anche attraverso i suoi romanzi, collegando i temi della sua narrativa alle opere esposte nella mostra di Palazzo Strozzi L’Avanguardia russa, la Siberia e l’Oriente.
Ingresso libero fino a esaurimento posti a disposizione

ott
30
mer
2013
MAMMA VOGLIO FARE L’ARTISTA. ISTRUZIONI PER EVITARE DELUSIONI @ Teatrino di Palazzo Grassi
ott 30 @ 18:00 – 20:00
MAMMA VOGLIO FARE L'ARTISTA. ISTRUZIONI PER EVITARE DELUSIONI @ Teatrino di Palazzo Grassi  | Italia
L’arte, come tutte le chiese e le religioni, deve parlare al mondo che la circonda, non a un mondo che non esiste più … Questo libro è anche un incitamento per scoprire la grotta che contiene la nostra società e iniziare a disegnare sulle sue pareti.
Francesco Bonami
Palazzo Grassi – Punta della Dogana – François Pinault Foundation ospita mercoledì 30 ottobre alle 18 al Teatrino di Palazzo Grassi un appuntamento speciale prodotto da Electa: il critico e curatore Francesco Bonami incontrerà il pubblico sui temi proposti dal suo ultimo libro “Mamma voglio fare l’artista”, edito da Electa. Al suo fianco, un’ospite d’eccezione: l’attrice e conduttrice televisiva Geppi Cucciari.
Con il gusto per la più tagliente ironia che accomuna i due protagonisti dello speciale appuntamento, l’incontro sarà una divertente ma anche sagace riflessione sulla figura, tanto affascinante quanto misteriosa, dell’artista, creatore di opere d’arte. E per gli aspiranti tali: consigli d’autore per evitare il peggio o prepararsi al meglio.
L’ingresso è gratuito fino a esaurimento posti.
Tutti gli appuntamenti sono comunicati, costantemente aggiornati, sul sito di Palazzo Grassi, nella rubrica “attività”.
IL LIBRO
Cosa implica oggi la scelta di fare l’artista? Si può veramente decidere di dedicare la propria vita ad una professione che è tanto meravigliosa e ricca di promesse quanto di enormi e sconfinate delusioni? Quanto contano il talento, la furbizia e la capacità di andare per la propria strada senza paura e senza timore di fallire? Torna a farsi sentire la voce più irriverente della critica d’arte italiana con un libro dedicato agli aspiranti artisti, un vademecum che intreccia serio e faceto, pragmatismo e gusto del paradosso, con la consapevolezza di chi osserva il sistema dell’arte “da dentro”. Un libro ironico, a tratti graffiante, ma sempre lucido e onesto in cui Francesco Bonami rivela anche molto di sé. Electa si propone di raccontare l’arte in modo differente, non convenzionale, con lo scopo di avvicinare un pubblico sempre più allargato. Bonami conduce, come un Virgilio contemporaneo, il giovane potenziale artista dentro l’Inferno, il Purgatorio ed il Paradiso del sistema dell’arte.
TITOLO / Mamma voglio fare l’artista
AUTORE / Francesco Bonami
EDITORE / Electa
ANNO PUBBLICAZIONE / 2013
PAGINE TOTALI / 160
PREZZO / 9,90 Euro
 
L’AUTORE
Critico e curatore di fama internazionale, Francesco Bonami è stato dal 1999 al 2008 Senior Curator del Museum of Contemporary Art di Chicago. È direttore artistico Enel Contemporanea e Fondazione Pitti Immagine Discovery. È direttore artistico della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino. Curatore di numerose mostre internazionali, nel 2003 ha diretto la 50° edizione della Biennale di Venezia. Nel 2008 cura Italics: Italian Art Between Tradition and Revolution, 1968-2008 a Palazzo Grassi a Venezia. Nel 2010 diventa curatore della Biennale del Whitney Museum of American Art. Ha curato personali di Rudolf Stingel, Damien Hirst, Maurizio Cattelan, Takashi Murakami, Yan Pei Ming e Jeff Wall. Collabora con “La Stampa”, “La Gazzetta dello Sport”, “Vanity Fair”, “Icon”, “Flair”, “Donna Moderna”, “Grazia Casa”, “Wired” e “Il”. Dirige la rivista “Anew”. Attualmente anima su Sky Arte il programma “Potevo farlo anch’io” insieme ad Alessandro Cattelan. Tra i suoi libri ricordiamo Lo potevo fare anch’io. Perché l’arte contemporanea è davvero arte (2009), Dopotutto non è brutto (2009), Dal Partenone al panettone. Incontri inaspettati nella storia dell’arte (2010), Si crede Picasso (2010) e Maurizio Cattelan. Autobiografia non autorizzata (2011). Nel 2010 ha ricevuto la Légion d’Honneur della Repubblica Francese.
Mercoledì 30 ottobre 2013, ore 18
Teatrino di Palazzo Grassi
 
FRANCESCO BONAMI E GEPPI CUCCIARI
INCONTRANO LETTORI E ASPIRANTI ARTISTI.
MAMMA VOGLIO FARE L’ARTISTA.
ISTRUZIONI PER EVITARE DELUSIONI
- Electa -
Ingresso libero sino a esaurimento posti
 
ott
31
gio
2013
Salone dell’Editoria Sociale 2013. V edizione @ Porta Futuro
ott 31 – nov 3 all-day
Salone dell'Editoria Sociale 2013. V edizione @ Porta Futuro | Roma | Lazio | Italia

“Un luogo, fisico e simbolico, per mettere in comunicazione chi opera nel sociale e chi nell’editoria, per interrogarsi sugli strumenti più utili per comprendere il mondo in cui viviamo e provare a trasformarlo”

La V edizione del Salone dell’Editoria Sociale ha per titolo “la grande mutazione”. Quella prodotta non solo dai sei anni di crisi economica che ha colpito il mondo dalla fine del 2007, ma da un trentennio di politiche neoliberiste che hanno cambiato la politica, la società, i modelli produttivi, i consumi, i comportamenti e persino l’antropologia di una parte consistente del nostro pianeta.

La “grande mutazione” dell’ultimo trentennio evoca quella “grande trasformazione” che ha raccontato Polanyi nell’omonimo libro descrivendo il passaggio – tra il XVI e il XVII secolo – da una società che incorpora l’economia a un mercato che ingloba la società. Un passaggio analogo è quello della “grande mutazione” che investe gli ultimi decenni e riguarda latrasformazione del paesaggio umano e ambientale di una società asservita al consumo e al cinismo del mercato e dell’interesse privato. E che vede mutare i cittadini in consumatori, l’economia in un grande casinò o centro commerciale, la politica in unaancella degli interessi di finanzieri e speculatori, la cultura in un inutile rito consolatorio.

Ecco perché con questa edizione vogliamo ricordare che la crisi globale che stiamo attraversando non è contingente, né legata solamente al declino dei sistemi produttivi o di uno specifico modello economico. È anche una crisi sociale, ecologica, culturale, antropologica, etica e politica che per essere affrontata ha bisogno di qualcosa di più e di diverso di aggiustamenti o modeste riforme. Ha bisogno di una rivoluzione del modo di pensare, di comportarsi: di rimettere al centro la dimensione etica, dell’esempio, del “ben fare” e di un paradigma differente del rapporto tra economia e politica, ecologia e tecnica, società e individuo. Le decine di incontri, presentazioni di libri e tavole rotonde dell’edizione di quest’anno ci ricordano l’esigenza e l’urgenza di un cambiamento radicale dell’ordine esistente.

Giulio Marcon e Goffredo Fofi

Programma

www.editoriasociale.info

tel. 06.8841880 |  cell. 347.3834951 |  349.0806967