Eventi

Se desideri promuovere uno o più eventi nel nostro sito clicca qui e inserisci le informazioni necessarie.

mag
31
dom
2015
Essere genitori: un universo di…emozioni! @ Centro Culturale Gabriella Ferri
mag 31 @ 17:00 – 19:00
Essere genitori: un universo di…emozioni! @ Centro Culturale Gabriella Ferri | Roma | Lazio | Italia

Presentazione del seminario “Essere genitori: un universo di…emozioni!”, quinto ed ultimo incontro gratuito del ciclo “Uno spazio per i genitori”: seminari a tema rivolti a coloro che vogliono migliorare la dimensione della comunicazione, in particolare con i propri figli. Conducono l’incontro la dott.ssa Carolina Castellano (psicologa e psicoterapeuta) e la dott.ssa Paola Galati (psicologa e psicoterapeuta) dell’associazione di volontariato La casa di Pulcinella.

DOMENICA 31 MAGGIO
ore 17:00

Centro Culturale Gabriella Ferri – L.go Beltramelli, Via Galantara 7/Via Cave di Pietralata 76 – Roma

ORARI DEL CENTRO
MARTEDI’ – DOMENICA: 11.00 – 20.00
tel. 06671073581
Aperture serali straordinarie secondo la programmazione di eventi
INFO
www.centriculturali.roma.it; info.gabriellaferri@zetema.it

set
17
gio
2015
The Tomorrow: Figures of Kapital – The School of Kapital @ Padiglione Centrale, Giardini
set 17 @ 13:30 – set 19 @ 18:00
The Tomorrow: Figures of Kapital - The School of Kapital @ Padiglione Centrale, Giardini | Venezia | Veneto | Italia

the Tomorrow organizza Figures of Kapital – The School of Kapital, un seminario con proiezioni e frammenti di film selezionati e commentati dagli ospiti, conferenze e discussioni collettive.
Dal 17 al 19 settembre, all’ARENA (Padiglione Centrale, Giardini) a partire dalle 13.30.

Il seminario si concentra su Figures of Kapital e si propone di trattare il Capitale di Marx e il ??marxismo in generale, come strumento per comprendere e descrivere sia la realtà politico-economica, sia la macchina drammaturgica che ha permesso la costituzione di una nuova forma di soggettività e ha introdotto una serie di nuovi personaggi in campo politico. Il marxismo ha fatto molto di più che descrivere il proletariato: ha articolato le condizioni per la costituzione del proletariato come soggetto politico e come agente della politica, un qualcosa di diverso da una semplice parte inserita nel sistema di produzione. Figures of Kapitalintende indagare cosa ne è stato di alcune figure che si sono fatte strada nel nostro immaginario e nei discorsi politici attraverso il marxismo: il proletariato, la gente o le masse (che cosa c’è di questo nell’enfasi delle moltitudini?), la borghesia, la rivolta, la rivoluzione, l’emancipazione, l’accesso e il controllo dei mezzi di produzione, e così via. L’idea era quella di reintrodurre e ri-proporre, nel contesto della Biennale Arte 2015, alcuni dei temi che possano interpretare l’opera del Capitale.

Il workshop cerca di immaginare un possibile film su Primitive Accumulation. Marx parla di Primitive Accumulation nel Libro I, Capitolo 26 del Capitale. Egli vede Primitive Accumulation come l’origine del Capitale. In quanto tale, Primitive Accumulation racchiude implicitamente una storia. Nell’esercizio di “vedere e mostrare il Capitale”, il laboratorio cerca di indagare la possibilità di visualizzare le forme assunte da Primitive Accumulation nel capitalismo contemporaneo.

 

PROGRAMMA:

17-18-19 settembre
The Tomorrow: Figures of Kapital – The School of Kapital
Luogo: Arena (Padiglione Centrale, Giardini)

Giovedì, 17 settembre

13.30 – 14.30 proiezione di film selezionati da Ali Kazma e Angela Melitopoulos
14.30 – 16.30 discussione con Ali Kazma e Angela Melitopoulos,
moderatore: Pier Paolo Tamburelli e Paola Nicolin

Venerdì, 18 settembre

13.30 – 14.00 proiezione dei film selezionati da John Akomfrah
14.00 – 15.30 discussione con John Akomfrah ed Emiliano Battista

Sabato, 19 settembre

13.30 – 14.30 proiezione dei film selezionati da Jacques Rancière
14.30 – 16.30 discussione con Jacques Rancière e Emiliano Battista

 

Biennale di Venezia
T. +39 041 5218 – 849/846/716 | infoartivisive@labiennale.org | www.labiennale.org
FB: La Biennale di Venezia | @ twitter.com / la_Biennale | Instagram: la_biennale_di_venezia

 

ott
13
mar
2015
Architettura e musica: esempi finlandesi Lectio Magistralis di Samuli Miettinen @ Casa dell’Architettura
ott 13 @ 14:30 – 19:00
Architettura e musica: esempi finlandesi Lectio Magistralis di Samuli Miettinen @ Casa dell’Architettura | Roma | Lazio | Italia

Nell’anno 2015 si celebra in tutta la Finlandia, all’estero e anche in Italia, il 150° anniversario dalla nascita del famoso compositore finlandese Jean Sibelius (1865-1957). Questa è l’occasione per presentare il rapporto tra architettura e musica in Finlandia e raccontare la testimonianza dell’architetto Federico Marconi che ha collaborato con Alvar Aalto proprio nella progettazione di alcuni edifici per la musica. Verranno presentati alcuni esempi significativi dalla Finlandia Hall di Alvar Aalto fino ai più recenti progetti della Musiikkitalo a Helsinki e della nuova Concert Hall a Jyväskylä a firma dello studio JKMM Architects. Oltre a questo innovativo progetto l’architetto finlandese Samuli Miettinen, invitato per la prima volta a Roma e in esclusiva per l’Italia, presenterà altri progetti dello studio realizzati negli ultimi anni. Il seminario promosso dal Comitato Tecnico Scientifico della Casa dell’Architettura di Roma e dall’Ordine degli Architetti P.P.C. di Roma e Provincia con il patrocinio dell’Ambasciata di Finlandia in Italia e dell’ATL – Association of Finnish Architect’s Offices, è curato dall’architetto Arianna Callocchia con l’intento di creare, attraverso il tema dell’architettura e musica, un occasione di confronto e dialogo tra l’Italia e la Finlandia sui temi della sostenibilità, ecologia, innovazione tecnologica e del rapporto con il contesto e le tradizioni locali.

È obbligatoria la registrazione online
REGISTRAZIONE per gli iscritti Ordine Architetti Roma
Registrazione iscritti architetti presso altri Ordini https://imateria.awn.it/custom/imateria/ (codice ARRM796)

Crediti formativi (CFP): 3

Si avvisano gli architetti di presentarsi al desk della registrazione con la STAMPA CARTACEA in formato A4 del check-in/check-out, scaricabile al momento della prenotazione in piattaforma ai soli registrati confermati (controllare “i miei corsi” lo status della registrazione)

Programma

ore 14.30 Registrazione

ore 15.00 Saluti istituzionali

Alessandro Ridolfi / Vice Presidente Ordine degli Architetti di Roma

Alfonso Giancotti/ Presidente della Casa dell’Architettura

ore 15.15 Presentazione della conferenza

Arianna Callocchia / architetto e curatrice

ore 15.30 Conferenza

INTERVENTI

Architetture per la musica in Finlandia

Antonello Alici / architetto, Università Politecnica delle Marche

I progetti di Alvar Alto per la musica. La testimonianza dell’architetto Federico Marconi.

Stefano Tessadori / architetto, Pordenone

Jyväskylä Concert Hall e altri progetti dello studio JKMM Architects

Samuli Miettinen / Architect SAFA, JKMM Architects, Helsinki

L’intervento dell’architetto finlandese sarà tenuto in lingua inglese.

Ore 18.30 Dibattito finale

Domande e interventi dal pubblico

 

CREDITS

Iniziativa promossa dal

Comitato Tecnico Scientifico della Casa dell’Architettura

con il patrocinio di

Ambasciata di Finlandia in Italia

ATL – Association of Finnish Architect’s Offices

a cura di

Arianna Callocchia

 

In considerazione del numero limitato di posti disponibili e nel rispetto dei colleghi interessati in lista di attesa, Vi invitiamo ad effettuare eventuale disdetta quanto prima accedendo, attraverso l’area iscritti del sito dell’OAR, all’interno della piattaforma telematica del CNAPPC (nello spazio “i miei corsi”, cliccando sul titolo dell’evento e in seguito su “elimina iscrizione”).

ott
15
gio
2015
Valorizzazione del patrimonio immobiliare nel territorio rurale @ Casa dell'Architettura
ott 15 @ 10:30 – 19:00

giovedì 15 Ottobre ore 10:30

Casa dell’Architettura – Piazza Manfredo Fanti, 47

unnamed

Paesaggio italiano 3.0: cultura – ambiente – economia @ Casa dell'Architettura
ott 15 @ 14:30 – 18:00
Paesaggio italiano 3.0: cultura – ambiente – economia @ Casa dell'Architettura | Roma | Lazio | Italia

SEMINARIO: PAESAGGIO ITALIANO 3.0 - cultura, ambiente, economia
15 ottobre 2015 ore 14.30
ROMA PIAZZA M. FANTI 47

Si avvisano gli architetti di presentarsi al desk della registrazione con la STAMPA CARTACEA in formato A4 del check-in/check-out, scaricabile al momento della prenotazione in piattaforma ai soli registrati confermati (controllare “i miei corsi” lo status della registrazione)

 

PROGRAMMA

ore 14.30 / REGISTRAZIONI CHECK/IN DEI PARTECIPANTI

ore 14.45 / SALUTI ISTITUZIONALI
Alfonso Giancotti Presidente CTS Casa dell’Architettura

ore 15.00 / lllustrazione della mostra
LAND25+1 | OMAGGIO AL PAESAGGIO ITALIANO
Andreas Kipar Direttore LAND Group
Mauro Panigo General Manager LAND Group

ore 15.15 / INTRODUCE E MODERA
Luca Montuori CTS Casa dell’Architettura

ore 15.30 / CONTRIBUTI AL DIBATTITO
Luca D’Eusebio studioUAP, Zappata Romana
Marco Lupo Direttore Generale ARPA Lazio
Roberta Angelini HSE Manager DIME, gruppo eni
Daniela Bianchi Consigliere Regione Lazio
Giovanni Sala Presidente LAND Group
Alessandro Marchionne Amministratore Delegato Genagricola

ore 17.10 / CONCLUSIONI
Filippo Delle Piane Vice Presidente ANCE

ore 17.30 / DIBATTITO

ore 17.45 / REGISTRAZIONI CHECK/OUT DEI PARTECIPANTI

 

Iniziativa promossa dal
Comitato Tecnico Scientifico della Casa dell’Architettura
La partecipazione all’evento riconosce n.2 CFP. È obbligatoria l’iscrizione online.
codice ARRM 848

In considerazione del numero limitato di posti disponibili e nel rispetto dei colleghi interessati in lista di attesa, Vi invitiamo ad effettuare eventuale disdetta quanto prima accedendo, attraverso l’area iscritti del sito dell’OAR, all’interno della piattaforma telematica del CNAPPC (nello spazio “i miei corsi”, cliccando sul titolo dell’evento e in seguito su “elimina iscrizione”).

Casa dell’Architettura
Piazza M. Fanti 47 Roma
www.casadellarchitettura.it
info@casadellarchitettura.it

ott
19
lun
2015
“Conversazioni video – Festival internazionale di documentari su arte e architettura” PRIMA GIORNATA @ Casa dell'Architettura
ott 19 @ 17:30 – 21:30
"Conversazioni video - Festival internazionale di documentari su arte e architettura" PRIMA GIORNATA @ Casa dell'Architettura | Roma | Lazio | Italia

PRIMA GIORNATA – Serata Jan Fabre, Alberto Burri, Eileen Gray.

È obbligatoria la registrazione online

REGISTRAZIONE per gli iscritti Ordine Architetti Roma
Registrazione iscritti architetti presso altri Ordini https://imateria.awn.it/custom/imateria/ (codice ARRM833)

Si avvisano gli architetti di presentarsi al desk della registrazione con la STAMPA CARTACEA in formato A4 del check-in/check-out, scaricabile al momento della prenotazione in piattaforma ai soli registrati confermati (controllare “i miei corsi” lo status della registrazione)

PROGRAMMA:

ORE 17:30 Registrazioni CHECK/IN dei partecipanti.

ORE 18:00 Saluti e/o Presentazioni

Alfonso Giancotti – Presidente del CTS della Casa dell’Architettura

Antonella Greco, Benedetta Nervi, Lia Polizzotti – Curatrici del Festival e membri dell’Associazione Culturale Art Doc Festival

ORE 18:15 ANTONELLA GRECO – Presidente Art Doc Festival

Presenta il Festival “Conversazioni Video” e il suo obiettivo di approfondire la conoscenza dell’arte e dell’architettura attraverso il mezzo del documentario, mostrando al pubblico le più recenti e interessanti produzioni documentaristiche internazionali sui temi dell’arte e dell’architettura. Introduce, inoltre, le principali tematiche affrontate dai documentari in programma. Protagonisti della serata inaugurale sono: il poliedrico artista fiammingo Jan Fabre, Alberto Burri, a cui viene dedicato un ricordo nell’anno del suo centenario e la designer ed architetto irlandese Eileen Gray, che attraverso il documentario sulla sua estetica e sul suo rapporto controverso con Le Corbusier durante la costruzione della Villa E1027 sarà l’occasione per omaggiare il grande architetto nell’anniversario dei cinquant’anni dalla sua morte;

ORE 18:30 GIULIO BOATO – Regista del documentario Jan Fabre. Beyond the artist;

Introduce la proiezione del documentario, parlando della nascita del progetto e della sua realizzazione e approfondendo la figura dell’artista.
Proiezione del film: Jan Fabre. Beyond the artist
regia di Giulio Boato, produzione: Gildas le Roux
Francia/ Belgio, 2014, 52′, Francese e Inglese, sottotitoli in Italiano

Attraverso le immagini di spettacoli, esposizioni, disegni, modelli e sculture, il documentario traccia un ritratto di uno degli artisti più discussi degli ultimi decenni: Jan Fabre, artista visivo, regista, coreografo, scenografo e performer. Nonostante le molte opere pubblicate su Jan Fabre, questo film affronta, per la prima volta, la sua figura di artista polivalente.

ORE 19:30 Presentazione e proiezione del film fuori concorso:

Alberto Burri
regia di Rubino Rubini, produzione: PPM
Italia, 1996, 15′, Italiano

In occasione del centenario della nascita di Alberto Burri, Art Doc Festival gli rende omaggio con un breve documentario sulla sua opera girato nell’ estate del ’94 da Rubino Rubini con la partecipazione dell’ artista medesimo e di alcuni suoi amici di Città di Castello;

ORE 19:45 Proiezione del film:

Gray matters
regia di Marco Antonio Orsini, produzione: Mojo Entertainment LLC
Francia/ Irlanda, 2014, 72′, Inglese e Francese, sottotitoli in Italiano

Il film esplora la vita e la carriera dell’architetto e designer irlandese Eileen Gray, una delle più influenti ma meno conosciute icone moderniste. Dall’estetica che caratterizza il design dei suoi oggetti fino al suo capolavoro: la Villa E1027 di Roquebrune-Cap-Martin realizzata con Jean Badovici e Le Corbusier.

ORE 21:00 Conclusioni

ORE 21:15 Dibattito

ORE 21:30 Registrazioni CHECK/OUT dei partecipanti.
In considerazione del numero limitato di posti disponibili e nel rispetto dei colleghi interessati in lista di attesa, Vi invitiamo ad effettuare eventuale disdetta quanto prima accedendo, attraverso l’area iscritti del sito dell’OAR, all’interno della piattaforma telematica del CNAPPC (nello spazio “i miei corsi”, cliccando sul titolo dell’evento e in seguito su “elimina iscrizione”).

 

ott
20
mar
2015
“Conversazioni video – Festival internazionale di documentari su arte e architettura” SECONDA GIORNATA @ Casa dell'Architettura
ott 20 @ 17:30 – 21:30
"Conversazioni video - Festival internazionale di documentari su arte e architettura" SECONDA GIORNATA @ Casa dell'Architettura | Roma | Lazio | Italia

SECONDA GIORNATA – Serata: Le Corbusier,ex arsenale a La Maddalena,Claes Oldenburg,Nicole Eisenman,Giorgio De Chirico.

È obbligatoria la registrazione online

REGISTRAZIONE per gli iscritti Ordine Architetti Roma
Registrazione iscritti architetti presso altri Ordini https://imateria.awn.it/custom/imateria/ (codice ARRM834)

Si avvisano gli architetti di presentarsi al desk della registrazione con la STAMPA CARTACEA in formato A4 del check-in/check-out, scaricabile al momento della prenotazione in piattaforma ai soli registrati confermati (controllare “i miei corsi” lo status della registrazione)

PROGRAMMA

ORE 17:30 Registrazioni CHECK/IN dei partecipanti.

ORE 18:00 Saluti e/o Presentazioni (indicare di seguito i nominativi)

Antonella Greco, Benedetta Nervi, Lia Polizzotti – Curatrici del Festival e membri dell’Associazione Culturale Art Doc Festival

ORE 18:10 CRISTIAN CHIRONI – Artista

Presenta il suo progetto My House is a Le Corbusier, raccontando la nascita del progetto, l’esperienza finora vissuta e la forte interazione tra arte e architettura che il progetto rappresenta.

My house is a Le Corbusier è un progetto dell’artista Cristian Chironi che ha al centro le numerose abitazioni progettate nel mondo dal celebre architetto, nelle quali l’artista trascorre un periodo di residenza. Il progetto a lungo termine (che si svilupperà sull’arco potenziale di trenta opere abitabili di Le Corbusier in dodici nazioni) è una performance dilatata nel tempo, casa dopo casa;

ORE 18:30 EMILIA GIORGI – storica dell’arte, curatrice eventi e mostre di architettura contemporanea

Introduce la figura dei due registi del documentario, di cui seguirà la proiezione La Maddalena/La Maddalena Chair. Registi, scrittori, produttori ed editori, Ila Bêka e Louise Lemoine concentrano principalmente le loro ricerche sulla sperimentazione di nuove forme cinematografiche e narrative in relazione all’architettura contemporanea. Dal 2007, collaborano all’interno di Bêka & Partners, una piattaforma creativa con sede in Francia. Lo studio produce film e libri come strumenti di ricerca per mettere in discussione le modalità della rappresentazione dell’architettura.
Proiezione del film:

La Maddalena/ La Maddalena chair
regia di Ila Bêka, Louise Lemoine, produzione: Bêka & Partners
Francia, 2014, 37′, Italiano, sottotitoli in Inglese

Concepito come una video installazione, commissionato da Rem Koolhaas per l’ultima Biennale di Architettura di Venezia (2014), il documentario, composto da due video -distinti ma complementari- narra del disastro politico, architettonico e ambientale de La Maddalena, dove si sarebbe dovuto svolgere il G8 del 2009.

ORE 19:15 MASSIMO CATALANI – Artista

Protagonista e ideatore del cortometraggio There she blows, Massimo Catalani ne racconta la genesi e parla del suo lavoro. Proiezione del film:

There she blows
regia di Francesco Cabras, Alberto Molinari, produzione: Greenpeace, Ganga Film
Italia, 2014, 5′, Italiano

Un esperto pescatore (Enzo Maiorca) che tramanda al figlio (Paolo Fanciulli) i ritmi e i segreti del mare e un artista (Massimo Catalani) che dal mare trae ispirazione. Questi gli ingredienti di questo corto che si presenta come una piccola poesia e metafora del complesso rapporto tra l’uomo e il mare.

ORE 19:30 DANIELA FONTI – Storica dell’arte e curatrice

Introduce i due film che seguono, approfondendo la biografia e il lavoro degli artisti protagonisti dei documentari: Claes Oldenburg, Nicole Eisenman e Giorgio De Chirico e presentando gli autori che interverranno per la presentazione del secondo documentario.
Proiezione del film:

Kasper König’s address book
regia di Corinna Belz, produzione: Bildersturm Filmproduktion GmbH
Germania, 2014, 26′, Tedesco e Inglese, sottotitoli in Italiano

Kasper König, influente curatore ed esperto d’arte, custodisce tra le pagine della sua rubrica l’intero mondo dell’arte contemporanea. Il documentario lo segue mentre si reca a New York negli studi degli artisti Claes Oldenburg e Nicole Eisenman, in un’atmosfera informale e confidenziale, a ritmo di jazz.

ORE 20:00 Proiezione del film:

Giorgio De Chirico. Un uomo tra rivelazione ed enigma
regia di Christina Clausen, produzione: Rai – Radiotelevisione Italiana
Italia, 2014, 52′, Italiano

Il documentario ripercorre la vita artistica e privata di Giorgio De Chirico, dando maggior rilievo ad alcuni aspetti poco conosciuti della sua personalità e del suo pensiero, attraverso gli interventi di: Ruggero Savinio, Paolo Portoghesi, Claudio Strinati, Gianni Vattimo, Angela Carpentieri e Ascanio Celestini.

ORE 21:00 Conclusioni

ORE 21:10 Dibattito

ORE 21:20 Registrazioni CHECK/OUT dei partecipanti

 

In considerazione del numero limitato di posti disponibili e nel rispetto dei colleghi interessati in lista di attesa, Vi invitiamo ad effettuare eventuale disdetta quanto prima accedendo, attraverso l’area iscritti del sito dell’OAR, all’interno della piattaforma telematica del CNAPPC (nello spazio “i miei corsi”, cliccando sul titolo dell’evento e in seguito su “elimina iscrizione”).

ott
22
gio
2015
“Conversazioni video – Festival internazionale di documentari su arte e architettura” QUARTA GIORNATA @ Casa dell'Architettura
ott 22 @ 17:30 – 21:30
"Conversazioni video - Festival internazionale di documentari su arte e architettura" QUARTA GIORNATA @ Casa dell'Architettura | Roma | Lazio | Italia

QUARTA GIORNATA – Serata: Riuso artistico, Alberto Garutti, Irpinia e Arte, Tobia Scarpa, Design Internazionale

È obbligatoria la registrazione online
REGISTRAZIONE per gli iscritti Ordine Architetti Roma
Registrazione iscritti architetti presso altri Ordini https://imateria.awn.it/custom/imateria/ (codice ARRM836)

Si avvisano gli architetti di presentarsi al desk della registrazione con la STAMPA CARTACEA in formato A4 del check-in/check-out, scaricabile al momento della prenotazione in piattaforma ai soli registrati confermati (controllare “i miei corsi” lo status della registrazione)

 

PROGRAMMA

ORE 17:30 Registrazioni CHECK/IN dei partecipanti.

ORE 18:00 Saluti e/o Presentazioni (indicare di seguito i nominativi)

Antonella Greco, Benedetta Nervi, Lia Polizzotti – Curatrici del Festival e membri dell’Associazione Culturale Art Doc Festival

ORE 18:10 ELISABETTA CRISTALLINI – Professore associato presso il Dipartimento di Scienze dei Beni Culturali dell’Università della Tuscia a Viterbo

Introduce il progetto speciale Preferisco lo stupore e coordina l’intervento dei due autori: Silvio Pasquarelli e Andrea Barzini.
Dall’incontro tra un regista-sceneggiatore e un architetto-designer, il racconto di un’idea e della sua realizzazione, dalla nascita allo sviluppo di un’opera. Un percorso in cui si parte con l’utilizzare oggetti di plastica e uso comune, ma dove il filo conduttore è lo stupore.

A seguire, la Prof.ssa Cristallini, approfondisce la figura dell’artista Alberto Garutti, protagonista del documentario Chi è Alberto Garutti e perché parla di noi.

ORE 18:30 Proiezione del film:

Chi è Alberto Garutti e perché parla di noi
regia di Giampaolo Penco, produzione: Videoest Srl
Italia, 2013, 60′, Italiano, sottotitoli in Inglese

L’artista Alberto Garutti esplora la dimensione narrativa dell’arte pubblica. Il film approfondisce la sua idea di irripetibilità dell’esperienza, seguendolo nel suo studio e nella preparazione di una sua mostra e di un’installazione permanente, con interviste a coloro che sono stati i protagonisti delle sue azioni.

ORE 19:30 ROSSELLA CARUSO – Docente presso ISIA – Istituto Superiore per le Industrie Artistiche

Introduce il regista del documentario Irpinia che guarda il mare, Nicolangelo Gelormini ed insieme tracciano il racconto del ruolo dell’arte nel processo di integrazione territoriale della zona Irpina.
Si passerà poi ad un discorso più centrato sul design introducendo i documentari successivi su Tobia Scarpa e su giovani studi internazionali di successo in “Tobia Scarpa. L’anima segreta delle cose” e “I am a designer “. Quest’ultimo vedrà la presenza del regista Michele di Salle.
Proiezione del film:

Irpinia che guarda il mare
regia di Nicolangelo Gelormini, produzione: Vertigo Film
Italia, 2014, 40′, Italiano

Un affresco della condizione attuale dell’Irpinia e di una provincia del Sud Italia tra memoria e futuro, dove l’arte è motore trainante dell’integrazione territoriale. Tra gli artisti e le peronalità coinvolte: Luigi Mainolfi, Perino e Vele, Umberto Manzo, Eugenio Giliberti, Lucio e Peppe Perone, Andres Neumann, Francesco Saponaro e Piero Mastroberardino.

ORE 20.10 proiezione del film:

Tobia Scarpa. L’anima segreta delle cose
regia di Elia Romanelli, produzione: Elisa Pajer – Studio Liz
Italia, 2014, 30′, Italiano, sottotitoli in Inglese

Il documentario raccoglie testimonianze, non solo sui progetti, ma soprattutto sulla filosofia del ‘fare’ di Tobia Scarpa, protagonista del design italiano a livello internazionale. È il ritratto di un architetto che preferisce essere considerato un designer ‘poeta’ innamorato della vita e delle sue molteplici forme.

ORE 20.40 proiezione del film:

I’m a designer
regia di Michele Di Salle, produzione: Hullabaloop & Limited Music Trade Srl
Italia, 2014, 27′, Inglese, sottotitoli in Italiano

Il film documenta il lavoro di tre giovani studi di design di successo nel mondo: Marc Dizon, interior designer di NewYork; Zemberek Tasarim ad Instabul, specializzato nella progettazione di show room e il finlandese Lightning Design Collective che si occupa della creazione di contenuti digitali e strategie di progettazione innovative.

ORE 21:10 Conclusioni

ORE 21:15 Dibattito

ORE 21:30 Registrazioni CHECK/OUT dei partecipanti
In considerazione del numero limitato di posti disponibili e nel rispetto dei colleghi interessati in lista di attesa, Vi invitiamo ad effettuare eventuale disdetta quanto prima accedendo, attraverso l’area iscritti del sito dell’OAR, all’interno della piattaforma telematica del CNAPPC (nello spazio “i miei corsi”, cliccando sul titolo dell’evento e in seguito su “elimina iscrizione”).

 

ott
23
ven
2015
“Conversazioni video – Festival internazionale di documentari su arte e architettura” QUINTA GIORNATA @ Casa dell'Architettura
ott 23 @ 17:30 – 21:30
"Conversazioni video - Festival internazionale di documentari su arte e architettura" QUINTA GIORNATA @ Casa dell'Architettura | Roma | Lazio | Italia

QUINTA GIORNATA – Serata: Renzo Piano, Housing e Padiglione Italia Expo 2015

 

#LOCANDINA

 

È obbligatoria la registrazione online
REGISTRAZIONE per gli iscritti Ordine Architetti Roma

Registrazione iscritti architetti presso altri Ordini https://imateria.awn.it/custom/imateria/ (codice ARRM837)
Si avvisano gli architetti di presentarsi al desk della registrazione con la STAMPA CARTACEA in formato A4 del check-in/check-out, scaricabile al momento della prenotazione in piattaforma ai soli registrati confermati (controllare “i miei corsi” lo status della registrazione)

PROGRAMMA

 

ORE 17:30 Registrazioni CHECK/IN dei partecipanti.

ORE 18:00 Saluti e/o Presentazioni (indicare di seguito i nominativi)

Antonella Greco, Benedetta Nervi, Lia Polizzotti – Curatrici del Festival e membri dell’Associazione Culturale Art Doc Festival
ORE 18:10

THE STAVROS NIARCHOS FOUNDATION
CULTURAL CENTER CONSTRUCTION
regia Simonetta Cristiano, produzione Ruby on Thursdays Srl
Italia, 2015, 15′, Italiano

Anticipazione del documentario sulla costruzione dello Stavros Niarchos Foundation Cultural Center ad Atene. Il filmato descrive il connubio tra la visione architettonica del progetto, firmato dall’architetto Renzo Piano, l’innovazione ingegneristica e l’attività del costruttore, la JV Salini – Impregilo – Terna.
ORE 18:30 Proiezione del film alla presenza del regista, Carlo Lo Giudice:

Lo stato brado
regia di Carlo Lo Giudice, produzione: CLG Cinema
Italia, 2014, 30′, Italiano

Sullo sfondo di una Catania ferita e sofferente, il film racconta la storia di un raccoglitore di ferro sotto sfratto. Un film sulle condizioni estreme dell’abitare e una denuncia dell’ interesse privato che troppo spesso vince sui diritti della collettività.
ORE 19:00 Proiezione del film alla presenza del regista, Paolo Scarfò:

This is me
regia di Paolo Scarfò, Raffaele Festa Campanile, produzione: Scarfilm Italia srl, Nemesi
Italia, 2014, 56′, Italiano, sottotitoli in Inglese

This is me è la storia del Padiglione Italia di EXPO 2015, delle persone che l’hanno progettato e di quelle che l’hanno costruito. Dall’ispirazione iniziale all’apertura al pubblico, un anno di testimonianze e di duro lavoro, un anno che ha lasciato il segno.
ORE 20.00 La giuria del Festival, composta da: Nino Bizzarri, regista di documentari su arte e architettura, Alfonso Giancotti, Presidente CTS Casa dell’Architettura, Antonella Greco, Presidente Art Doc Festival, Andrea Jemolo, Fotografo d’architettura e arte, Angela Tecce, Direttore del Polo Museale Regionale della Calabria, dà il via alla cerimonia di premiazione.

Saranno ripercorsi i principali temi trattati nei cinque giorni della rassegna e indicati gli aspetti più interessanti riscontrati nei quindici documentari in concorso.

La giuria provvederà poi ad assegnare i seguenti premi:

- Miglior documentario in assoluto Conversazioni Video 2015;

- Miglior documentario categoria Architettura;

- Miglior documentario categoria Arte

Per ciascun vincitore, verranno lette le motivazioni della giuria
ORE 21:00 Conclusioni
ORE 21:10 Dibattito
ORE 21:30 Registrazioni CHECK/OUT dei partecipanti.

 
In considerazione del numero limitato di posti disponibili e nel rispetto dei colleghi interessati in lista di attesa, Vi invitiamo ad effettuare eventuale disdetta quanto prima accedendo, attraverso l’area iscritti del sito dell’OAR, all’interno della piattaforma telematica del CNAPPC (nello spazio “i miei corsi”, cliccando sul titolo dell’evento e in seguito su “elimina iscrizione”).

nov
6
ven
2015
La Scuola di São Paulo in Brasile. Concezione strutturale e ideazione architettonica @ Casa dell'Architettura
nov 6 @ 15:00 – 19:45
La Scuola di São Paulo in Brasile. Concezione strutturale e ideazione architettonica @ Casa dell'Architettura | Roma | Lazio | Italia

È obbligatoria la registrazione online
REGISTRAZIONE per gli iscritti Ordine Architetti Roma

Registrazione iscritti architetti presso altri Ordini https://imateria.awn.it/custom/imateria/ (codice ARRM860)

Si avvisano gli architetti di presentarsi al desk della registrazione con la STAMPA CARTACEA in formato A4 del check-in/check-out, scaricabile al momento della prenotazione in piattaforma ai soli registrati confermati (controllare “i miei corsi” lo status della registrazione)

PROGRAMMA:

L’iniziativa intende mettere in luce aspetti inediti della cultura architettonica moderna e contemporanea di São Paulo,
fornendo una visione ampia sugli eventi significativi della Scuola, sulla figura e sull’opera del fondatore, João Batista Vilanova Artigas, del quale quest’anno si celebra il centenario dalla nascita, su progettisti di rilievo quali Paulo Mendes da Rocha e Lina Bo Bardi, nonché sulle giovani generazioni.

ORE 15:00 Registrazioni CHECK/IN dei partecipanti.

ORE 15:30 Saluti e Introduzione ALFONSO GIANCOTTI Presidente CTS Casa dell’Architettura

ORE 15:45 CELLINI FRANCESCO

São Paulo: una lezione di architettura

Sebbene la cultura europea abbia storicamente impregnato quella brasiliana, stiamo assistendo oggi a un processo inverso, che porta anche i progettisti italiani a guardare con interesse e ammirazione alle opere oltreoceano.

La predilezione per forme geometriche pure ed essenziali, il rigore costruttivo, l’attenzione alla definizione di luoghi a carattere pubblico fanno di quest’architettura, in particolare di quella affermatasi a São Paulo a partire dagli anni ’60, un campo di ampio interesse, dal quale apprendere la profonda lezione dell’unione inscindibile tra arte e tecnica, tra pensiero teorico e azione progettuale.

ORE 16:05 CAO UMBERTO

A partire dalla sezione

I caratteri del Brutalismo paulista nelle loro relazioni con il Movimento Moderno e con il coevo Movimento Neobrutalista europeo andrebbero indagati in modo più approfondito sia nelle convergenze figurative sia nelle autonomie di metodo e di linguaggio. Uno dei caratteri che ne definisce l’autonomia e l’originalità è certamente il tono minimalista della composizione architettonica, quasi sempre affidato a contenitori definiti da volumi puri nei quali il cemento armato è il materiale dominante. Ma all’interno della scatola lo spazio – seppure costretto in uno spazio limitato e circoscritto – si articola negando l’iterazione di livelli orizzontali e liberando altezze e dislivelli. São Paulo è metropoli costruita sui dislivelli. Lo è anche Rio, ma mentre nella città carioca la natura prevale e domina il costruito, nella metropoli paulista l’edificazione compatta ha riproposto il dislivello come artificio architettonico. Questo contributo vuole mettere in evidenza come il processo di semplificazione volumetrica proprio della Scuola paulista, a partire dal suo indiscusso fondatore Artigas, con Bo-Bardi, sino a Mendes da Rocha e ai più giovani contemporanei, recuperi complessità e ricchezza attraverso il ragionamento bidimensionale in sezione, che diventa lo strumento più efficace per caratterizzare lo spazio architettonico.

ORE 16:25 GIARDIELLO PAOLO

Le parole del moderno

Ragioni e storia della costruzione di un linguaggio espressivo e di un codice stilistico finalizzato a comunicare il sentimento del nuovo e dare forma e struttura a nuovi modi di abitare, lo spazio domestico come la città.

ORE 16:45 ARGENTI MARIA

Vilanova Artigas, cielo e terra, architettura e struttura

L’intervento tratta l’essenza della scuola di architettura di San Paolo, vista attraverso alcuni dei progetti di Vilanova Artigas – del quale quest’anno ricorre il Centenario – e di Paulo Mendes da Rocha.

Le opere di Artigas – in particolare il Garagem de barcos Santapaula ed il Vestiário do São Paulo Futebol Clube e l’Anhembi Tênis Clube, – sono architetture, tutt’altro che leggere nella forma, sollevate quasi integralmente dal suolo, eccezion fatta per pochi punti di appoggio, caratterizzate da una preferenza per ciò che è spoglio, essenziale, e dal rifiuto di ogni esibizionismo fine a se stesso.

Si tratta di edifici la cui copertura diviene la matrice di un progetto che si evolve verso il basso, è questa una caratteristica che ritroviamo in alcune opere pauliste dove risalta la sapiente modellazione dei profili delle strutture e la minima riduzione del punto d’incontro tra edificio e suolo.

L’intervento descrive l’esercizio di equilibrio, mai formalista, tra struttura e forma, abilità tecnica e ingegno creativo, peso e leggerezza, terra e cielo in tutte le opere pauliste.

ORE 17:05 AYMONINO ALDO

Metropoli ed edifici-mondo. Tre esempi nell’architettura paulistana

I progetti esaminati in questo intervento mostrano la complessa relazione tra l’ampia varietà di forme e metodi di utilizzo dell’architettura, e il suo ruolo sociale nella eterogenea comunità della metropoli di São Paulo.

Tutti e tre sono diventati, nel tempo, amate icone di una megalopoli di oltre venti milioni di abitanti; l’umanità che li frequenta, in modi e numeri differenti, è in grado di riconoscersi pienamente nel loro linguaggio e nei loro spazi.

Per dimensione, utilizzo e destinazione, i tre progetti sono molto diversi tra loro. Anche la loro storia e le questioni costruttive rivelano la differenza di scopo e fruizione: un nuovo edificio (la Facoltà di Architettura e Urbanistica), una totale riqualificazione di un complesso industriale con una coerente aggiunta volumetrica e cambio di destinazione d’uso (SESC Pompéia), e un’architettura a volume zero, un’enorme copertura che connette edifici culturali attraverso il paesaggio (la Marquise del Parco di Ibirapuera).

ORE 17:25 SARNO FRANCESCA

Paulo Mendes da Rocha. Esercizi di libertà

Attraverso la presentazione di alcune significative opere di Paulo Mendes da Rocha, ci si soffermerà sui temi cari all’architetto – città, natura, spazio pubblico – intorno ai quali, e sin dai primi lavori, ruota la sua produzione: una lezione d’architettura, itinerante nei luoghi, ma non nei contenuti.

L’illustrazione dei progetti (l’ultimo in cantiere) del grande architetto di São Paulo (premio Pritzker 2006) metteranno in luce coerenza formale e ideologica, aspetto distintivo dell’opera di Mendes da Rocha. In essa la semplificazione strutturale, ottenuta anche con l’assenza di appoggi intermedi e con la conseguente realizzazione di grandi campate, diviene espressione dell’essenza stessa dell’architettura, dichiara quell’aspirazione all’essenzialità, sempre ricercata dall’architetto.

ORE 17:45 CUTRONI FABIO

Paulo Mendes da Rocha: la dimensione collettiva della casa individuale

Nella visione poetica di Paulo Mendes da Rocha anche il progetto di una casa unifamiliare rivela un pensiero politico fondato sul presupposto che la dimensione domestica sia la base del vivere sociale. Paradossalmente, quindi, egli rifiuta l’idea stessa dell’abitare individuale, isolato, ricercando una continua modulazione di spazi collettivi, di ambiti di condivisione, dai contorni sfumati, in cui graduare il livello di intimità – mai totale – nell’intento di perseguire una programmatica ibridazione e sovrapposizione tra la sfera pubblica e quella privata.

ORE 18:05 CASTELLI FRANCESCA ROMANA

Lina Bo Bardi e il Nuovo Mondo

Attraverso i numerosi disegni, gli allestimenti, il design, i progetti e le architetture realizzate, Lina Bo Bardi ha lasciato una testimonianza significativa nella cultura popolare e nel contesto culturale del Brasile della seconda metà del Novecento. Lo scorso anno, nel centenario della sua nascita, diverse mostre e conferenze hanno fatto riscoprire ad un pubblico più vasto l’interesse per una figura che ha saputo interpretare la modernità europea e sudamericana allo stesso tempo assieme ai molti altri architetti, artisti ed intellettuali arrivati in Brasile dopo il secondo conflitto mondiale.

L’attualità del suo lavoro, ancora oggi rappresenta un insegnamento per tutte le scale del progetto, avendo anticipato in diverse occasioni la declinazione del re-cycle in architettura e nel design che oggi è al centro del dibattito disciplinare.

ORE 18:25 FIORAVANTI ANTONIO

Aspetti dell’iconico MASP: nascosti dettagli rivelatori. L’intervento intende disvelare il contrasto tra il Museu de Arte de São Paulo, noto edificio che nell’immaginario collettivo è semplificato a tal punto da poter essere rappresentato da un’icona, e la complessità celata degli aspetti costruttivi, l’attenzione ai materiali e alle soluzioni di dettaglio che rivelano una complessità intrigante.

ORE 18:45 CRICONIA ALESSANDRA

Una Citadela da Liberdade a São Paulo. Il SESC Pompéia di Lina Bo Bardi.

Quando nel 1983, il cento ricreativo SESC Pompéia viene aperto, nasce uno scandalo. La scelta di Lina Bo Bardi di recuperare la Fábrica da Pompéia, un vecchio edificio industriale abbandonato senza particolari qualità architettoniche, viene giudicata dai brasiliani incomprensibile e priva di senso. Tre anni più tardi, quando l’intervento è completato con alte torri in cemento armato, l’opinione non è cambiata: le nuove parti che emergevano dagli edifici in mattoni erano bizzarre e apparivano brutte e ineleganti.

In trent’anni tale opinione è cambiata e il progetto del SESC Pompéia è universalmente riconosciuto, con le torri in cemento armato divenute uno dei simboli dello skyline di São Paulo. Il SESC è oggi un manifesto dell’architettura di Lina, che offre un eccezionale esempio contemporaneo di etica ed estetica. È un’architettura che evidenzia la capacità di riutilizzare un edificio esistente per creare un luogo egualitario e inclusivo, dove le persone amano stare.

ORE 19:30 Dibattito e Quesiti.

ORE 19.45 Registrazioni CHECK/OUT dei partecipanti
In considerazione del numero limitato di posti disponibili e nel rispetto dei colleghi interessati in lista di attesa, Vi invitiamo ad effettuare eventuale disdetta quanto prima accedendo, attraverso l’area iscritti del sito dell’OAR, all’interno della piattaforma telematica del CNAPPC (nello spazio “i miei corsi”, cliccando sul titolo dell’evento e in seguito su “elimina iscrizione”).