Eventi

Se desideri promuovere uno o più eventi nel nostro sito clicca qui e inserisci le informazioni necessarie.

ottobre 2013 – febbraio 2016

ott
10
gio
2013
LOGOS 2013 Festival della Parola @ C.S.O.A Ex Snia - Parco delle energie
ott 10 @ 13:00 – ott 13 @ 14:00

Ci si appropria di una città fuggendo o avanzando nellalternarsi delle cariche, molto più che giocando da bambini per le sue strade o passeggiandovi più tardi con una ragazza. Nellora della rivolta non si è più soli nella città.

da  Spartakus o della rivolta di  Furio Jesi

 

Logos – Festa della Parola arriva alla sua terza edizione. Dal 10 al 13 ottobre negli spazi del csoa eXSnia tornano a  condividere e scoprire le parole, comporre o ricomporre un vocabolario comune con cui chiamare, descrivere, evocare il mondo che vogliamo vivere.

ban2

La parola di quest’anno è CITTÁ. Dalle esperienze delle metropoli in rivolta all’analisi del nuovo urbanesimo nella globalizzazione, dalla sperimentazione di nuovi interventi dal basso per la riappropriazione e l’autonomia, alla socializzazione delle esperienze di lotta in merito alle vertenze legate al diritto all’abitare e alla salute, alla mobilità, l’energia e il ciclo dei rifiuti, l’idea è di percorrere vari fili narrativi per riconoscere i diversi nodi della città totalitaria, della metropoli come mercato e dei territorio come merce.

Davanti al vincolo di uno sviluppo insostenibile per il pianeta e l’uomo, imposto dal capitalismo globalizzato attraverso il consumismo, l’urbanistica e la guerra è necessario ipotizzare e tentare un nuovo internazionalismo che parli la stessa lingua, e si sappia esprimere in una rivolta globale.

mokeup2

Logos è anche un’ecofesta: dall’assunzione del ciclo dei rifiuti con le quattro R (Riduzione, Recupero, Riuso e Riciclo), al consumo energetico mantenuto basso per scelta, le bevande sono distribuite in bicchieri riutilizzabili e i cibi in stoviglie compostabili, ogni partecipante è soggetto attivo in un progetto in evoluzione. Il menu è stato studiato per contribuire alla riduzione di Co2 nell’atmosfera e di sostanze nocive nell’ambiente. Le pietanze preparate sono a basso consumo di carne, con prodotti a km zero e provenienti da agricoltura contadina e naturale. La festa è interamente alimentata a energia solare, grazie agli impianti fotovoltaici del Parco delle Energie, quello che si consuma si produce per l’autosufficienza energetica.

www.logofest.org

www.exsnia.it

ott
16
gio
2014
Giorgio Galli. Storia d’Italia tra imprevisto e previsioni. Dal Risorgimento alla crisi europea (1815-2015) @ MAGA Museo Arte Gallarate
ott 16 @ 18:00 – 20:00
Giorgio Galli. Storia d'Italia tra imprevisto e previsioni. Dal Risorgimento alla crisi europea (1815-2015) @ MAGA Museo Arte Gallarate | Gallarate | Lombardia | Italia

Giorgio Galli (Milano 1928) è uno dei più significativi esponenti della politologia italiana contemporanea.
Dalla “anomalia italiana” negli anni della prima Repubblica (“Il bipartitismo imperfetto. Comunisti e Democristiani in Italia”, 1966) al peso esercitato dall’esoterismo nella teoria e nella prassi politica (“Hitler e il nazismo magico”, 1989, “La politica e i maghi. Da Richelieu a Clinton” 1995) egli ha infatti toccato tutte le questioni più vive e più vitali di questa disciplina.
Storia d’Italia tra imprevisto e previsioni. “Dal Risorgimento alla crisi europea” (1815-2015) (Mimesis, 2014) rappresenta un’efficace sintesi di tutto il suo percorso teorico.

Giovedì 16 Ottobre alle ore 18.00
La conferenza, a ingresso gratuito fino ad esaurimento posti, è inserita all’interno del programma di Duemilalibri.

dic
6
sab
2014
Presentazione nuovo numero de Il Calendario del Popoplo @ Più Libri più Liberi - Palazzo dei Congressi (EUR), sala Ametista
dic 6 @ 14:00 – 15:00

calendario1

Presentazione del nuovo numero de Il Calendario del Popolo n. 765 “Presi in Rete” che si terrà Sabato 6 dicembre alle ore 14,00
presso la sala Ametista della Fiera del Libro di Roma Più Libri Più Liberi (EUR-Palazzo dei Congressi. Piazzale Kennedy, 1 00144 Roma).
Un vademecum per orientarsi tra privacy, hacking, big data, cyberwar, governance, e-commerce, e-health, e-learning, e-… Un numero speciale affidato a professionisti, docenti e giornalisti. Una rivista più ricca nelle immagini e nei contributi: dagli esteri alla cultura, dall’economia alla società.

calendario_del_popolo_765

Alla presentazione interverranno:

Chiara CAVARRA - psicologa
Piercarlo RAVASIO - esperto in IT
Gianpiero GAMALERI – giornalista e docente, preside di “UniNettuno”
Rachele MASCI - caporedattore de Il Calendario del Popolo

Per info e comunicazioni: 06 58334070 - info@sandrotetieditore.it

mar
10
mar
2015
Dirigibili della Regia Marina @ COMPLESSO DEL VITTORIANO
mar 10 all-day
Dirigibili della Regia Marina @ COMPLESSO DEL VITTORIANO | Roma | Lazio | Italia

Dal 10 marzo al 3 maggio 2015 il Sacrario delle Bandiere al Complesso del Vittoriano ospita la mostra Dirigibili della Regia Marina: imprese di guerra e di pace. Una mostra fotografica dall’archivio di Arrigo Lorenzo Osti. Realizzata con il patrocinio della Marina Militare Italiana, con il coordinamento di Lorenza Suber, Silvia Francisci, Pietro Suber, Amedeo Osti Guerrazzi e la consulenza di Anthony Majanlahti, l’esposizione vuole raccontare la straordinaria esperienza del volo in dirigibile. Attraverso una selezione di fotografie d’epoca provenienti dagli album di Arrigo Lorenzo Osti (1891-1977), ufficiale della Regia Marina in servizio sui dirigibili tra il 1916 e il 1918, la mostra è divisa in tre sezioni: i dirigibili nell’aspetto tecnico e bellico; il personale, gli ufficiali e i molti visitatori; la città di Roma vista dall’alto dei dirigibili. Le 85 fotografie rivelano una grande modernità, sia per la scelta del soggetto che per il taglio dell’inquadratura, documentando inoltre le complesse attività di manovra e manutenzione di un mezzo che si dimostrava estremamente difficile da comandare. Buona parte del materiale della collezione di Osti riprende i tentativi e gli esperimenti effettuati nel corso della guerra per rendere i dirigibili dei sistemi d’arma in grado sia di offendere che di difendere. Quelle dedicate alla logistica e alle manovre sono forse tra le più belle foto dell’archivio Osti. Nella seconda sezione dedicata al personale di volo, ufficiali e visitatori si riconoscono personaggi celebri,fra cui Gabriele D’Annunzio e l’Ammiraglio PaoloThaon di Revel. L’ultima sezione è invece dedicata alle vedute di Roma dal dirigibile, in cui si vedono ancora alcuni scorci della campagna romana e preziose tracce del tessuto urbano della città che saranno in seguito cancellate dalle imprese di demolizione negli anni Trenta. Oltre alle foto selezionate sarà proiettato un video con tutte le immagini provenienti dalla collezione privata di Arrigo Lorenzo Osti. Arrigo Lorenzo Osti nacque a Mantova nel 1891, nel 1909 entrò all’Accademia navale di Livorno e ne uscì da Guardiamarina nel 1912. Poco prima della prima guerra mondiale, nel 1914, fu assegnato dallo Stato maggiore della Marina a un gruppo di dirigibili che poi entrarono a far parte della prima ossatura dell’aeronautica militare italiana, utilizzando vari aeroscali tra i quali Campalto e Grottaglie. E’ stato decorato con medaglie di bronzo al Valore Militare per azioni nel cielo di Lussinpiccolo e Sebenico nel 1916 e poi ancora nel 1918 per dodici mesi di “costante attività guerresca al comando di una squadriglia di dirigibili esploratori”. Nel maggio 1917 sposa Mercedes del Bono, conosciuta negli anni dell’Accademia e figlia del futuro Ministro della Marina, l’Ammiraglio del Bono. Nei primi anni Venti si iscrive e si laurea alla facoltà di Ingegneria all’Università di Napoli, lascia la Marina ed entra a far parte della dirigenza della Italcable, società privata che per molti anni ha offerto in Italia il servizio di comunicazioni via cavo, via etere e, in epoca più moderna, via satellite. E’ stato proprio Osti a dirigere la posa del primo cavo sottomarino italiano tra l’Italia e il Sud America, esaudendo così il desiderio di tanti emigrati italiani. Osti restò sempre con grande entusiasmo a disposizione della Marina Italiana, ritornando anche in servizio agli inizi della seconda guerra mondiale come Capitano di Fregata. Internato dai tedeschi l’8 settembre 1943 fu poi rimpatriato a causa delle sue gravi condizioni di salute; allo stesso tempo prese comunque parte al Fronte Clandestino di Resistenza fino alla Liberazione, quando riprese il suo lavoro da ingegnere alla Italcable.

Ufficio Stampa:
Allegra Seganti – 335/5362856 allegraseganti@yahoo.it
Flaminia Casucci – 339/4953676 flaminiacasucci@gmail.com

Inaugurazione 10 marzo

Complesso del Vittoriano
via San Pietro in Carcere (Fori Imperiali) Roma
mar-dom 9.30-15
ingresso libero

mar
12
gio
2015
Lo stato dello Stato @ Esc Atelier Autogestito
mar 12 @ 17:30 – 20:00
Lo stato dello Stato @ Esc Atelier Autogestito | Roma | Lazio | Italia

È da circa un secolo che il pensiero politico e giuridico europeo riflette sulla crisi dello Stato. Negli anni Venti, giuristi come Carl Schmitt e Santi Romano, tentarono di restituire allo Stato la necessaria profondità storica, contro la tendenza dominante nelle scienze sociali che lo confinava nel campo strettamente giuridico e politologico. Lo Stato, in quanto ordinamento concreto, prodotto dell’attività sociale dell’uomo, andava riportato con i piedi per terra, assumendone il suo carattere relativo e variabile.
La crisi di cui si discuteva allora era riferibile a una specifica forma della statulità, lo Stato liberale di diritto. Il tentativo di far coincidere, senza residui, legalità e legittimità, di spoliticizzare la società, veniva messo radicalmente in discussione dall’irruzione delle masse nel campo della politica. Più avanti nel tempo, molte altre volte il tema della crisi dello Stato tornerà a essere centrale, sotto varie declinazioni: lo Stato sociale, lo Stato regolatore, lo Stato minimo, lo Stato nazione.
Oggi, la crisi dello Stato sembra avere assunto una tale intensità da spingere molti a mettere in discussione la stessa autonomia della sua forma e delle sue funzioni. Piuttosto che attestarci su tale constatazione, ci sembra molto più interessante chiederci cosa lo Stato sia diventato, indagando a fondo la sua disarticolazione e mettendo in campo un’analisi più complessa che ponga l’accento sulla sua “porosità”. Partendo dall’ipotesi che siamo dinnanzi a uno Stato “disaggregato”, si tratta perciò di cogliere le sue ambivalenze. Valutare la rilevanza dei processi di statalizzazione in un paesaggio profondamento mutato e le modificazioni della sovranità al di là dello Stato, è più che mai indispensabile.

Giacomo Marramao è docente di Filosofia politica e Filosofia teoretica all’Università di Roma Tre e direttore scientifico della Fondazione Lelio e Lisli Basso. Nel corso degli anni Settanta il suo lavoro ha messo a confronto
il marxismo europeo degli anni Venti e Trenta con le analisi schmittiane delle trasformazioni del concetto di politico. Dialogando con la scuola di Francoforte, ha inoltre proposto una rilettura della modernità in chiave
genealogico-simbolica.

Antonio Negri ha insegnato Dottrina dello Stato all’Università di Padova e in molte altre prestigiose università europee. Dopo l’esilio in Francia, Negri si è affermato come uno degli intellettuali più influenti nel dibattito contemporaneo. I suoi lavori su Marx, Machiavelli e Spinoza, sul potere costituente e sulle trasformazioni della forma Stato, alcuni dei quali scritti in prigione, hanno aperto nuovi campi di ricerca a livello globale.

Pierangelo Schiera è professore emerito di Storia delle dottrine politiche all’Università di Trento e professore onorario alla Humboldt-Universität di Berlino. È tra i fondatori dell’Istituto Storico Italo-Germanico di Trento. Dal 1997 al 2001 è stato direttore per “chiara fama” dell’Istituto italiano di cultura di Berlino. Tra i suoi principali interessi di ricerca la formazione e le trasformazioni dello Stato moderno, la storia dell’amministrazione, la storia costituzionale tedesca.

Lo stato dello Stato
Giacomo Marramao, Antonio Negri, Pierangelo Schiera

Giovedì 12 marzo 2015, ore 17.30
Esc Atelier Autogestito
Via dei Volsci 159
00185 Roma
www.escatelier.net
www.lumproject.info

Istituto Svizzero di Roma
Via Ludovisi 48
I-00187 Roma
+39 06 420421
scienze@istitutosvizzero.it
www.istitutosvizzero.it

apr
15
mer
2015
Lezioni di Storia: Lucio Caracciolo @ MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo
apr 15 @ 17:30 – 19:00
Lezioni di Storia: Lucio Caracciolo @ MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo  | Roma | Lazio | Italia

Cinque incontri con storici, docenti universitari, giornalisti in occasione della mostra Architettura in Uniforme. Progettare e costruire durante la seconda guerra mondiale, per approfondire fatti, luoghi e personaggi al centro dei due conflitti mondiali e comprendere il contesto storico e culturale della guerra. Direttore di Limes, Lucio Caracciolo, affronta le cause dei conflitti contemporanei dal punto di vista geografico, attraverso il suo sguardo attento e impegnato sui temi internazionali.

MercoledI 15 aprile, ore 17.30.

mag
5
mar
2015
100 ANNI DEL MUSEO DEL RISORGIMENTO @ Museo del Risorgimento
mag 5 @ 12:00 – 13:00
100 ANNI DEL MUSEO DEL RISORGIMENTO @ Museo del Risorgimento | Genova | Liguria | Italia

5 maggio 1915 – 5 maggio 2015

Il 5 maggio 2015 ricorre il centenario del primo museo genovese dedicato al Risorgimento nazionale.

5 maggio 2015
- ore 15 – 16.30
Animazione tra Via Garibaldi e Via Lomellini
a cura della Società Filarmonica di Cornigliano

Museo del Risorgimento – Istituto Mazziniano
- 0re 14 – 19
Apertura straordinaria e gratuita del museo
- Ore 15.30 – 18.30
Visite guidate al percorso espositivo dedicato alla Grande Guerra
a cura degli studenti del Liceo classico Giuseppe Mazzini (classe III B)

Oratorio San Filippo
- ore 16.45
Saluti delle Autorità
Interventi di:
- Annita Garibaldi Jallet (Presidente Associazione nazionale Veterani e Reduci garibaldini)
- Raffaella Ponte (Istituto Mazziniano)

- Ore 17.30
Concerto per il centenario
Camerata Musicale Ligure
Giovanni Sardo, violino
Marco Moro, flauto
Simone Mazzone, chitarra
José Scanu, chitarra, Maestro concertatore
con la partecipazione straordinaria di Luigi Maio “il musicattore”
- Omaggio a Giuseppe Mazzini Musiche di G. Rossini e di I. Stravinskij
- Il Centenario della Grande Guerra Musiche di I.Stravinskij e L. Van Beethoven
- Omaggio a Genova Musiche di L. Cortese, R. Cecconi, B. Lauzi e F. De Andrè
(Info: www.settimanadellaccsvi.org)

6 maggio 2015
Museo del Risorgimento
- ore 17.30
Presentazione del volume di Corrado Malandrino (Università Piemonte Orientale)
Lineamenti del pensiero politico di Rattazzi, Giuffré Milano 2014
Intervengono:
- Anna Maria Lazzarino Del Grosso (Università di Genova – Vice Presidente nazionale A.N.V.R.G.)
- Annita Garibaldi Jallet (Presidente nazionale A.N.V.R.G)
- l´Autore

23 maggio 2015
Museo del Risorgimento
- ore 10 e 12
Visite guidate al percorso espositivo
a cura di L. Bertuzzi, R. Ponte (Istituto Mazziniano)
nell´ambito del “XXIV incontro annuale delle giornate italo-austriache per la pace”

Le iniziative sono organizzate in collaborazione con:
- Liceo classico Giuseppe Mazzini, Genova (classe III B, con le docenti Matilde Fassio e Laura Scursatone)
- Associazione Nazionale Veterani e Reduci Garibaldini
- ANVRG sez. Genova- Chiavari “Sante Garibaldi”
- Associazione Nazionale Alpini, Gruppo Genova centro
- AMI onlus sezione di Genova

Dove: Museo del Risorgimento – Istituto Mazziniano

Quando: 5 mag 2015 – 23 mag 2015

Orario: Vedi programma
Chiuso il lunedì
Organizzatori:
Settore Musei/Museo del Risorgimento
Collaborazioni:
Società Filarmonica Cornigliano
Liceo classico e linguistico Mazzini
Altri Soggetti Pubblici e Privati
Prezzi: Ingresso gratuito
Tel.: 010 2465843

nov
18
mer
2015
La cronaca fotografica della Tass @ CASA DELLA MEMORIA E DELLA STORIA
nov 18 @ 17:30 – 20:00
La cronaca fotografica della Tass @ CASA DELLA MEMORIA E DELLA STORIA | Roma | Lazio | Italia

In occasione del settantesimo anniversario della fine della seconda guerra mondiale, la Casa della Memoria e della Storia ospita, dal 18 novembre 2015 all’8 gennaio 2016, la mostra fotografica La cronaca fotografica della Tass. 1945 – La liberazione dell’Europa dal nazifascismo, a cura dell’agenzia di stampa russa Tass e il Centro Russo Borodina-Merano, in collaborazione con ANPI Roma e Zètema Progetto Cultura. Per ricordare la “Grande Guerra Patriottica”, com’era chiamata la guerra contro gli invasori nazisti in Unione Sovietica, l’agenzia di stampa russa TASS apre le porte dei suoi archivi storici e presenta i lavori dei suoi corrispondenti fotografici, che testimoniano il contributo del popolo sovietico alla liberazione dell’Europa dal nazifascismo. La TASS, fondata nel 1904, è stata testimone di tutti i principali avvenimenti storici del ventesimo secolo, tra i quali la seconda guerra mondiale alla quale molti giornalisti parteciparono, partendo per il fronte oppure diventando corrispondenti dalle zone di combattimento, garantendo così un continuo flusso di informazioni per tutti i 1418 giorni e tutte le 1418 notti di guerra, dalle retrovie e dalla prima linea. In questo contesto, gli scatti dal fronte dei fotografi della TASS sono stati spesso più importanti ed eloquenti della stessa informazione, documentando tra l’altro la liberazione effettuata dai soldati dell’Armata Rossa di Austria, Bulgaria, Ungheria, Germania, Lettonia, Lituania, Norvegia, Polonia, Romania, Repubblica Ceca, Slovacchia, Estonia e dei paesi dell’ex-Jugoslavia.Negli anni 1944-1945, l’Armata Rossa sferrò 14 offensive su territorio estero alle quali presero parte all’incirca 7 milioni di persone, assicurando la liberazione completa o parziale di 11 paesi europei dal giogo nazista. I popoli europei salutarono i soldati sovietici come loro liberatori, ma il prezzo per la loro libertà fu alto: nei violenti combattimenti contro il nemico l’Armata Rossa perse oltre 3,5 milioni di soldati e ufficiali.

Casa della Memoria e della Storia
Indirizzo: Via San Francesco di Sales, 5
Zona: Trastevere
Orario: dal lunedì al venerdì ore 09.30 – 20.00
Chiusura: sabato e domenica
Accesso: Ingresso libero
Telefono: 0039 06 6876543
Sito: “Memoria e Storia” la Rivista telematica della Casa della Memoria e della Storia: http://casamemoria.wordpress.com

nov
24
mar
2015
LA STORIA RACCONTATA AD ARTE @ Museo dello Sbarco e Salerno Capitale
nov 24 @ 17:30 – 19:00
LA STORIA RACCONTATA AD ARTE  @ Museo dello Sbarco e Salerno Capitale | Salerno | Campania | Italia

Martedì 24 Novembre, ore 17.30

Museo dello Sbarco e Salerno Capitale

Via Generale Mark Wayne Clark, 5, 84131 Salerno SA, Italia

 

feb
4
gio
2016
Tu lascerai ogni cosa diletta … L’esodo dei giuliano-dalmati dalle terre dell’Adriatico orientale @ Casa del Ricordo
feb 4 @ 17:00 – 20:00
Tu lascerai ogni cosa diletta … L’esodo dei giuliano-dalmati dalle terre dell’Adriatico orientale @ Casa del Ricordo | Roma | Lazio | Italia

Il prossimo 5 febbraio, alla vigilia del Giorno del Ricordo delle Foibe e dell’esodo degli italiani dalla Venezia Giulia e dalla Dalmazia *, in programma alla Casa del Ricordo, ad un anno dalla sua inaugurazione, un incontro promosso dalle Associazioni della Casa con testimonianze storiche, proiezioni e la presentazione del concorso letterario “TU LASCERAI OGNI COSA DILETTA … L’esodo dei giuliano-dalmati dalle terre dell’Adriatico orientale”.
Il programma prevede:
- ORE 17.00 Presentazione della prima edizione di “TU LASCERAI OGNI COSA DILETTA … L’esodo dei giuliano-dalmati dalle terre dell’Adriatico orientale”, concorso letterario che si propone di reperire poesie e racconti brevi sul tema dell’abbandono della terra natale e sulle emozioni che hanno accompagnato i momenti tragici dell’esodo. Il concorso è rivolto a tutti, italiani e stranieri, purché maggiorenni. Il termine di partecipazione entro cui dovranno essere presentati elaborato e domanda è fissato per le ore 12.00 del 29 aprile 2016. (Scaricabile su questo sito dal 4 febbraio 2016).
Il titolo del concorso intende interpretare il verso di Dante, cui l’antenato Cacciaguida comunica l’inappellabile e tremenda profezia dell’esilio, che lo obbligherà ad abbandonare ogni cosa, staccandosi in modo lacerante dai luoghi amati e da tutti gli affetti, facendogli acquisire la virtù dell’umiltà, del distacco e della tolleranza, offre un’occasione per riflettere sulla grande tragedia degli esuli italiani costretti a lasciare casa e beni e a fuggire con ogni mezzo dalla loro terra natale, verso luoghi dove poter ricostruire una nuova vita e mantenere la propria identità nazionale.

A seguire:
- Proiezione del documentario dell’Istituto Luce “Pola Addio” (durata 9’) tratto dal DVD “Il 900 dimenticato: Istria-Fiume-Dalmazia – Le foibe e l’esodo dei giuliano dalmati”, a cura di Marino Micich ed Emiliano Loria – Associazione per la Cultura Fiumana Istriana Dalmata nel Lazio. Il documentario narra fedelmente l’esodo in massa degli abitanti di Pola nel 1947.
- Testimonianza del viaggio dell’esule Fiorella Vatta, di Pola;
- Presentazione dello stamp prodotto in occasione del Giorno del Ricordo dalle poste private GPS in collaborazione con il Comitato Provinciale di Roma dell’ANVGD per la creatività del designer Marco Occhipinti. Gli STAMP GPS (Globe Postal Service) sono adesivi pre-pagati che permettono il trasporto della corrispondenza delle cartoline turistiche attraverso circuiti postali aderenti all’UPU.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili.

* 10 Febbraio
Giorno del Ricordo
Il 10 Febbraio ricorre ogni anno il Giorno del Ricordo delle Foibe e dell’esodo degli italiani dalla Venezia Giulia e dalla Dalmazia, che il trattato di pace del 1947 assegnò alla Jugoslavia di Tito.
La Legge 30 marzo 2004 n. 92 ha istituito il Giorno del Ricordo “al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale”.
Grande parte di quei profughi conobbe precaria sistemazione in oltre 109 campi profughi nelle diverse regioni, protrattasi anche per lunghi anni fino alla definitiva sistemazione presso quartieri destinati agli esuli, i cosiddetti ‘borghi’, nei quali si cercò di mantenere una coesione tra i profughi.
Nel conservare il ricordo della tragedia italiana al confine orientale, il mondo della scuola e della cultura sono impegnati a diffondere la conoscenza di questo capitolo della nostra storia quale istanza decisiva alla partecipazione alla vita pubblica e la crescita della democrazia.

Casa del Ricordo
Via di San Teodoro 72

Dipartimento Attività Culturali e Turismo di Roma Capitale
Servizio Programmazione e Gestione Spazi Culturali

Uffici 06 6710 79267 – 79268
Tel. URP 06 6710 5569

Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia (ANVGD)
info@anvgd.it – tel.  06 5916726

Società di Studi Fiumani
info@fiume-rijeka.it  tel. 06 5923485
(dal lunedì al venerdì -  ore 15.30-18.30)