Eventi

Se desideri promuovere uno o più eventi nel nostro sito clicca qui e inserisci le informazioni necessarie.

lug
27
ven
2018
Paesaggi Attivi @ Cataforìo
lug 27 – set 14 all-day
Paesaggi Attivi @ Cataforìo  | Cataforio | Calabria | Italia

L’associazione culturale reggina Catartica Care, che dal 2016 si occupa di arti contemporanee lavorando in stretta sinergia col territorio, torna quest’anno con una nuova serie di eventi – disseminati nel centro e nella provincia cittadina – incentrati su una riflessione ampia, trasversale e interdisciplinare sul valore e il concetto stesso di Paesaggio. Fulcro delle iniziative saranno le giornate dal 5 all’8 agosto che si svolgeranno come di consueto nel borgo di Cataforìo (RC), precedute da uno speciale incontro preliminare il 27 luglio tra la ricca biodiversità del Parco Botanico e Villa Comunale ‘Umberto I’ di Reggio Calabria, per poi proseguire a settembre presso l’Ipogeo di Piazza Italia e il Castello Aragonese e con altri appuntamenti fino ad una ‘chiusura dei lavori’ a dicembre 2018. Inteso come “il complesso di elementi caratteristici di una zona determinata” oppure “porzione di territorio considerata con un senso affettivo cui può associarsi anche un’esigenza di ordine artistico ed estetico”, il paesaggio stimola una serie di meditazioni, spunti e punti di osservazione, che coinvolgono i suoi aspetti sia ambientali che culturali ed estetici, sociali e geopolitici. Forse in questo momento storico più che mai risulta evidente una forte necessità di riflettere sui paesaggi (culturali, fisici, virtuali) che abitiamo. Paesaggi che vogliamo Attivi. Paesaggi Attivi è il titolo che convoglierà una serie di iniziative culturali e artistiche legate ai linguaggi contemporanei: mostre, installazioni site specific, progetti di arte partecipativa, produzioni creative grafiche ed editoriali, incontri e laboratori collettivi, talk tematici, proiezioni cinematografiche e concerti. Per questa edizione gli eventi si svilupperanno oltre che nel borgo di Cataforìo – luogo natale e base operativa di Catartica – anche nel centro cittadino con incursioni-lampo in alcuni dei più importanti e significativi beni culturali e ambientali della città di Reggio Calabria: la Villa Comunale e Parco Botanico ‘Umberto I’, l’Ipogeo di piazza Italia e il Castello Aragonese. Con il progetto Paesaggi Attivi, Catartica Care intende affrontare il suo focus sul paesaggio, con uno sguardo che va da uno specifico contesto territoriale di appartenenza ad un’apertura oltre i suoi confini fisici e/o culturali, per riscoprirlo di fatto fertile, meticcio, vitale.

L’evento è inserito tra le attività programmate dall’amministrazione comunale di Reggio Calabria nell’ambito del cartellone dell’Estate Reggina 2018.

*GLI EVENTI DA LUGLIO A SETTEMBRE:
27 luglio, Villa Comunale e Parco Botanico ‘Umberto I’ (RC): ‘Biodiversità in città. Anteprima Paesaggi Attivi’ con Salvatore Borruto (architetto del paesaggio), è una passeggiata collettiva aperta a tutti – cittadini, turisti, curiosi e appassionati, senza limiti di età – e vuole essere un invito e un’occasione per riscoprire la preziosa varietà del patrimonio botanico del parco con specie provenienti da tutto il mondo, modello di sincretismo di culture e specchio di un territorio, come quello mediterraneo, ricco di mescolanze.
5/8 agosto, Cataforìo: Mostra personale di Roberto Giriolo, ‘Diario di un Vecchio’ dal progetto ‘La Deriva dei Continenti’. / Esposizione audio-visiva ‘Le vacche sono anime del purgatorio’ dell’etnomusicologo Valentino Santagati e del fotografo Carlo Mangiola. / Omaggio dedicato al progetto di arte partecipativa ‘A Blue Love Connection’ ideato dalla curatrice Elena Forin: il progetto nasce dalla tragica scomparsa del cugino venticinquenne Luca Russo, tra le vittime dell’attentato terroristico di Barcellona dell’agosto 2017. È dedicato a Luca e a tutte le vittime dell’odio, basandosi sul valore fondamentale della pace, contro qualsiasi tipo di violenza verso le persone, le culture e il paesaggio. L’azione universalmente proposta da ‘A Blue Love Connection’ è quella di piantare qualsiasi tipo di fiore di colore blu, il colore degli occhi di Luca. A Cataforìo, Catartica vuole farsi promotrice del progetto e donare il suo contributo piantando e dedicando un’aiuola di fiori blu alla comunità e a Luca Russo.
6 agosto, Cataforìo: Presentazione di ‘Squisito: non erbario visionario’, una produzione visiva a cura della graphic designer Martina Mauro realizzata in seguito a una ricerca delle erbe spontanee, eduli e non, tipiche della Vallata del Sant’Agata. Il progetto sarà raccontato dall’autrice con il contributo delle signore di Cataforìo che hanno partecipato attivamente alle ricerche sulle erbe del territorio. / Tavola rotonda con l’etnomusicologo Valentino Santagati sul progetto ‘Le vacche sono anime del purgatorio’, in mostra nel borgo di Cataforìo e condiviso con il fotografo Carlo Mangiola.
7 agosto, Cataforìo: Tavola rotonda sulla fotografia di paesaggio con Alessandro Mallamaci ed Elena Trunfio, soci fondatori dell’associazione e centro di formazione fotografica Il Cerchio dell’immagine, con la presentazione in anteprima delle prime due tappe del progetto di ricerca visuale ‘Racconti dallo Stretto’, focalizzatesi nello specifico sull’area grecanica e la Vallata del Sant’Agata. / Spettacolo musicale di Davide Ambrogio dal titolo ‘Evocazioni e Invocazioni’ in cui chitarra, lire, fiati e percussioni sono messi a disposizione della voce contribuendo a creare un ambiente sonoro dove riemerge la forza evocativa e invocativa del canto. / Degustazione gratuita di birra artigianale locale a cura di Birrificio Reggino.
8 agosto, Cataforìo: Tavola rotonda per un dialogo e scambio di vedute insieme a una giovane ma già importante realtà operante nel settore culturale in Calabria, con uno sguardo rivolto allo studio e alla rivalutazione e rigenerazione di un paesaggio periferico, tra progetti editoriali e azioni collettive: A Di Città (Rosarno – RC) con Angelo Carchidi. / Reading di poesie e proiezione del film Le Corbusier in Calabria “una suite visiva per otto suite musicali” (2009) di Fabio Badolato e Jonny Costantino. L’incontro, a cura di Michele Tarzia, è titolato Il paesaggio immaginato: una visione introspettiva del paesaggio dell’anima, osservato e letto attraverso i sentimenti della natura e delle sue evocazioni. È il paesaggio che viviamo, che indaghiamo, che cerchiamo di cambiare. Attraverso la poesia e il cinema il nostro punto d’osservazione cambia e con esso anche il nostro modo di vivere, di vedere e percepire delle emozioni.

10/14 settembre, Ipogeo di piazza Italia e Castello Aragonese (RC): Installazioni sonore e interattive del compositore e sound artist cosentino Costantino Rizzuti. Un’installazione instaurerà un dialogo con le antiche mura dell’Ipogeo di piazza Italia, paesaggio sotterraneo fuori dal tempo ma indissolubilmente nella storia urbanistica e culturale cittadina con le sue radici magno-greche; l’altra, sul terrazzo della torre cilindrica del Castello Aragonese – monumento emblematico delle varie dominazioni storiche intercorse nella città di Reggio e delle modifiche strutturali operate sia dai fenomeni naturali che dai successivi progetti urbanistici – dialogherà con la città dall’alto, con un paesaggio fatto anche di cielo, di mare e di vento.

*Per luoghi e orari consultare il programma completo sui canali social di Catartica Care
**Le successive iniziative saranno comunicate in itinere > stay tuned!

Info:
+39 3495347650 // +39 3298981591
info.catartica@gmail.com
www.facebook.com/catarticacare
www.infocatartica.tumblr.com

set
30
dom
2018
SESTA SAGRA DEL PEPERONCINO REBELDE “Cibo, musica, serigrafia, artisti e artiste dall’Italia e dall’America Latina per sostenere l’autonomia in Messico” @ CSOA Forte Prenestino
set 30 @ 13:00 – 23:45
SESTA SAGRA DEL PEPERONCINO REBELDE "Cibo, musica, serigrafia, artisti e artiste dall'Italia e dall'America Latina per sostenere l'autonomia in Messico" @ CSOA Forte Prenestino | Roma | Lazio | Italia

Come da tradizione torna nell’ultima domenica di Settembre la SAGRA DEL PEPERONCINO REBELDE in quel della storica occupazione di Centocelle. Peperoncini di ogni genere e produttori, cibo per tutta la giornata, musica con tanti gruppi dal vivo e dj set, serigrafie, arti grafiche, libri, performance, fotografia, artisti dall’Italia, dall’America Latina e dal Mondo.. .. E come se non bastasse: Piñatas e giochi per bambini, contest di cumbia, l’immancabile gara a premi dove si affrontano i discepoli del re Peperoncino in una sfida alle barriere del piccante…..e tante altre sorprese! Tutto, come da sempre, a sostegno dei progetti de La Pirata in Messico. «L’arte, sorelle e fratelli, compagne e compagni, è tanto importante perché è ciò che illustra qualcosa di nuovo nella vita, tanto differente, e si può comparare quanto illustrato nella vita reale,che non mente.» (Subcomandante Insurgente Moisés.)

Durante il pomeriggio saranno le arti grafiche ad essere protagoniste; quest’anno lo spazio del CompArte sarà dedicato alle tecniche di stampa manuale come serigrafia e xilografia: pratiche che, partendo da una semplicità di esecuzione, permettono di aprire spiragli comunicativi dai quali immaginare e far vivere un mondo migliore; tutti i legami, le attenzioni, le passioni e le idee che danno vita alle autoproduzioni saranno sui banchetti delle diverse realtà presenti. L’idea di dedicare questo spazio all’arte nasce dal voler riportare con umiltà, nel nostro calendario e nella nostra geografia, il festival “CompArte por la Humanidad” convocato dall’EZLN in Chiapas, Messico, dove ogni anno artisti da ogni parte del globo giungono per condividere le proprie esperienze di vita e di lotta, contribuendo a mantenere aperta quella crepa,contro il muro del capitale che i fratelli e le sorelle zapatiste quotidianamente cercano di allargare. Per tutta la giornata interventi dal palco racconteranno esperienze di lotta dal basso in Messico e sarà visionabile la mostra fotografica di SIMONA GRANATI dedicata al “primero encuentro internacional, politico, artistico, deportivo y cultural de mujeres que luchan” svoltosi all’interno del caracol di Morelia, Chiapas a marzo di quest’anno.

LA PIRATA è una piattaforma di solidarietà internazionale autogestita e non sovvenzionata da istituzioni governative o di partito. È una cooperazione politica internazionalista creatasi con quattro gruppi libertari: il collettivo Nodo Solidale di Roma, il Collettivo Zapatista “Marisol” di Lugano, Nomads dell’XM24 di Bologna e il Grassrootsprojects di Amsterdam. I progetti qui descritti sono promossi e sostenuti da ogni singolo collettivo della piattaforma.
Tutte le istanze portate avanti dalla pirata sono visionabili sul sito www.lapirata.indivia.net.

PROGRAMMA

Dalle ore 13:00
- Pranzo per tutti/e (il piccante è a parte)
- Mercato produttori
- Gara di resistenza al piccante
- Pignatta per bimbi
- Mostra Fotografica e CompArte

Dj Set per tutta la giornata con:
- Radio Torre
- La reina del fomento e Franiko Calavera
- La Curandera,
- La Esquina del Soul

Nel Pomeriggio
- Gara di cumbia
- Cena

A seguire live sul palco:
- Los3saltos
- Alfredo El Bachatero
- Matu y la pandilla_raiz

C.S.O.A. Forte Prenestino
Via Federico Delpino – Centocelle – Roma
Web: www.forteprenestino.net
Mail: segreteria@forteprenestino.net
Tram: 5-19-14 Bus: 542-544
Metro C: fermate Gardenie e Mirti
Tel: 0621807855

Il Forte Prenestino è un centro sociale occupato e autogestito dal 1986.
E’ un centro sociale, un luogo di socialità, incontro, divertimento e organizzazione del tempo collettivo, di scambio di idee, visioni, energie e di saperi. Il Forte sperimenta un’organizzazione del proprio spazio e delle proprie attività basata sulla libera associazione di individui uniti/e da una progettualità e da un’etica condivisa. E’ per questo che il forte sperimenta il non-lavoro e modelli di vita autogestiti, sperimenta un’altra socialità e un’altra economia perché è parte una realtà immensa e variegata, di chiunque combatta ogni giorno perchè sia possibile un altro mondo, fatto di individui liberi/e uguali e solidali. Per questo il forte è antifascista, antisessista, antirazzista, antiproibizionista.