Figuriamoci | Edward Gorey

Figuriamoci | Edward Gorey

FIGURIAMOCI

Il nostro immaginario si plasma sull’illustrazione fin da quando siamo bambini. Quando non incollati alla televisione, nei casi più ottimistici, il bambino e la bambina hanno per le mani un libro le cui figure rimarranno loro impresse nel subconscio. Si cresce con le illustrazioni dei libri di scuola, con i fumetti, con le riviste, con le vignette nei periodici.

Passando in rassegna autori significativi della storia dell’illustrazione, probabilmente si potranno individuare gli archetipi delle immagini di cui siamo circondati attualmente. Guardando un disegno che eventualmente abbiamo visto da piccoli, abbandonandoci all’evocazione, sapremo capire perché oggi un’immagine ci emoziona e un’altra no.

_________________________________________________________

Edward Gorey

Chi ama l’ironia dark di Tim Burton sarà costretto a rivederne l’originalità, osservando i lavori di Edward Gorey. Nelle storie scritte e illustrate da questo artista americano vissuto tra il 1925 e il 2000 si trovano infatti vicende cupe, sinistre e spaventose condite di ironia e di umorismo dissacrante. Uomo intelligente e colto, Gorey è conosciuto come illustratore di letteratura per ragazzi, ma i suoi lavori sono di gran lunga più apprezzabili da un pubblico adulto.

Fin da bambino si distingue per acume ed ecletticità. Eccelle a scuola: addirittura accede agli ultimi livelli di formazione saltando alcuni anni. Da ragazzo segue dei corsi all’istituto d’arte prima di arruolarsi nell’esercito nel ’43. Dopo la guerra, laureatosi in letteratura francese ad Harvard, comincia a lavorare con alcune case editrici di New York. A metà degli anni ’60 comincia a lavorare da freelance ed è a partire da questo momento che possiamo individuare i contributi più interessanti e significativi non solo per la sua carriera, ma anche per tutta la letteratura dell’infanzia statunitense.

Gashlycrumb Tinies

Edward Gorey, Gashlycrumb Tinies

Uno di questi è Gashlycrumb Tinies, il suo libro più conosciuto e uno degli esempi più eclatanti del suo stile. Viene pubblicato da Simon and Schuster nel 1963, all’interno di una raccolta con altri due testi sempre di sua creazione: The Insect God e The West Wing.

Gashlybrumb Tinies è un abbecedario per bambini, ma non possiede affatto quel tono paternamente didattico e rassicurante degli abbecedari classici. Ogni lettera corrisponde al nome di un bambino scomparso, e un verso in rima baciata ne racconta l’assurda fine. C’è Amy che cade dalle scale, Basil assaltato dagli orsi, Clara che muore consumata, e poi ancora: Prue che viene calpestata in una rissa, Ernest che rimane soffocato con il nocciolo d’una pesca, Victor che finisce sotto un treno e Zillah che beve troppo gin. Ventisei tragicomiche morti di bambini narrate con candido cinismo, celando uno sguardo parodistico su quella morale che vuole i bambini buoni e composti avvolti nella bambagia. Ogni verso dell’abbecedario sorregge una straordinaria illustrazione a china, realizzata con un virtuoso pennino. L’illustrazione nella maggior parte dei casi fissa il minuto immediatamente precedente la fine di ogni creatura, che serena e ignara va incontro al suo tragico destino. Il lettore guarda questa scena sospesa e inquietante ed è costretto ad immaginare l’accaduto immerso in uno stuzzicante miscuglio di orrore e divertimento. Insomma, è un libro per bambini adatto ai lettori adulti, in cui la struttura per l’infanzia sembra maggiormente fornire un espediente di semplicità che accompagni le figure, piuttosto che un fine realmente pedagogico.

Edward Gorey, The Curious Sofa

Edward Gorey, The Curious Sofa

Edward Gorey scrive ed illustra numerosissimi libri: storie spesso non-sense o visionarie con esiti che la critica ha definito surrealisti. La stessa struttura di Gashlycrumb Tinies, con testo breve a sostegno dell’illustrazione, la troviamo in un suo libro intitolato The Curious Sofa, un lavoro questa volta indirizzato decisamente ad un pubblico adulto, per i contenuti non adatti all’infanzia, ma che mantiene l’essenzialità, l’immediatezza e la pudicizia di un libro per bambini. The Curious Sofa è una storia a sfondo sessuale, a cui infatti Gorey apporta provocatoriamente il sottotitolo A porno-graphic work, firmandosi con lo pseudonimo Ogdred Weary, l’anagramma del suo nome. Nonostante la provocazione del sottotitolo l’aspettativa del voyeur viene decisamente disattesa: The Curious Sofa non ha assolutamente nulla di pornografico. Piuttosto si basa su continue umoristiche e fantasiose allusioni sessuali e su accadimenti dietro paraventi e divani che il lettore può solamente immaginare, narrati con allegria in una decorativa ambientazione anni ‘30. Ovviamente l’elemento noir c’è anche nel testo di The Curious Sofa, essendo un carattere distintivo dello stile di Gorey, ma in questo caso l’atmosfera è più giocosa e il nero della china è meno ingente. Esibendo uno pseudonimo come nei classici della letteratura erotica, Gorey crea nuovamente un libro per per adulti-bambini.

Edward Gorey, The Curious Sofa II

Edward Gorey, The Curious Sofa II

On-line si trovano varie dichiarazioni di Gorey in merito al suo orientamento sessuale, al suo disamore per i bambini e alla sua devozione per gatti e cani. Molte sono decontestualizzate e lette da sole assumono più che altro il carattere di leggenda. Quel che è sicuro è che Gorey indirizza il suo lavoro a un pubblico adulto e che la sua esigenza è semplicemente quella di giocare su temi scottanti senza trattarli esplicitamente, narrando con emissioni, segreti e sospensioni. Che fosse un tipo eccentrico tuttavia si può dedurre dai ritratti fotografici che lo immortalano con l’aria risoluta e orgogliosa avvolto in grandi pellicce. Tuttavia lungi dall’etichettarlo come un “personaggio”, Gorey va invece trasmesso come un grandissimo illustratore, padre di un filone di illustrazione horror e noir il cui fascino non muore mai.

Anna Brancato

Per vedere The Gashlycrumb Tinies sfogliato e letto da un’attrice:
https://www.youtube.com/watch?v=ymnsV5CQcc4&index=1&list=FLXeM74p6wVEK69l3VeMoHQw

Link .pdf Gashlycrump Tinies:
http://dpworks.net/smilga/gashlycrumb-tinies.pdf

Link con diverse immagini di The Curious Sofa:
https://www.brainpickings.org/2011/11/29/the-curious-sofa-edward-gorey/