Galleria AOCF58 – Sveva Bellucci, MOVE, lunedì 02.04.2012

“Ho iniziato questo progetto nel 2008 quando sono entrata, subito dopo il trasloco, in una casa vissuta per cinquant’anni dagli stessi inquilini. La casa, svuotata completamente, conservava un vissuto ormai solo apparente, ma paradossalmente tangibile. Ero davanti ad un vero e proprio contenitore di storie, gli spazi mi apparivano ancora densi di abitudini ed atmosfere quotidiane. Ricostruivo l’assetto dell’ abitazione tramite le tracce lasciate: qui il salone, con il segno del divano sul muro e sopra una serie di rettangoli, bene descritti dal tempo sulla carta da parati: i quadri. Lì  la cucina con uno strano disegno grigio in una nicchia, la serpentina del frigorifero; più in là la camera da letto si riconosce da un rettangolo più scuro sul pavimento e da segni sul muro uguali ed equidistanti, i comodini. Poi gli oggetti, i più disparati: le vecchie antenne della TV che rimangono sempre attaccate al muro, le doppie prese, i ganci nelle cucine. Cose inutili, dimenticate. Da lì, con il passaparola, l’aiuto di un traslocatore e poi di un architetto sono riuscita a trovare molte case svuotate da  fotografare;  spesso colgo delle analogie nei segni e  negli oggetti lasciati, ma c’è sempre qualcosa, oltrepassando la soglia di una casa vuota, che mi sorprende, mi fa sorridere e mi restituisce un senso di pace.”

Sveva Bellucci
MOVE (Muovere, spostare o togliere, trasferite, portare fuori da, traslocare, commuovere, cambiare casa, trasferirsi)
dal 2 al 20 aprile 2012
inaugurazione 2 aprile  2012, ore 18.30

Galleria AOCF58
via Flaminia 58- Roma
Orario: dal lunedì al venerdì ore 17.00 –19,30