Il tempo dell’anima e delle stelle. Avish Khebrehzadeh alla Fondazione Volume!

Il tempo dell’anima e delle stelle. Avish Khebrehzadeh alla Fondazione Volume!

Dal 12 aprile 2016 la Fondazione Volume! ospita il lavoro di Avish Khebrehzadeh, artista di origine iraniana, formatasi all’Accademia di belle arti di Roma, attualmente vivente a Washington. L’artista è già ampiamente conosciuta sul territorio italiano grazie a diverse mostre allestite al MACRO, al GAM di Torino, nonché alla 50° Biennale di Venezia dove ha ricevuto il Leone d’oro come miglior Giovane Artista italiana.

I lavori esposti a Volume! in questo caso sono frutto di una ricerca che ha origine vent’anni fa, stimolata dal trattato sulle stelle fisse risalente al X secolo dell’astronomo persiano Abd al-Rahman al-Sufi. Una studio quindi nato dall’istinto a ricercare le origini della propria identità, ma che soprattutto si basa su una profonda e articolata riflessione sul tempo.

fixedstars2

In questa mostra sono esposti alcuni disegni di grande formato ispirati alle illustrazioni di al-Sufi che descrivono le costellazioni. I disegni di Khebrehzadeh sono infatti le stesse costellazioni rielaborate secondo il proprio stile e la propria sensibilità. L’intento dell’artista è quello di creare non solo un ponte che colleghi l’Oriente e l’Occidente, ma anche una continuità temporale tra il tempo di al-Sufi e la contemporaneità. È l’immagine ad avere il ruolo di congiunzione, ed è proprio Khebrehzadeh ad affermare che quando venne a contatto per la prima volta con al-Sufi si stupì della somiglianza di quelle antiche illustrazioni con i propri disegni.

IMG_0051

Negli spazi dell’ex vetreria è inoltre esposta una video istallazione site specific: una mandria animata di cavalli disegnati in bianco e nero si dirigono verso l’immagine proiettata di una grande luna, di cui l’artista ha registrato le fasi lunari avvenute negli ultimi vent’anni. Il galoppo simbolico di questi cavalli produce un suono ritmico che tiene viva l’attenzione e allo stesso tempo risulta ipnotico.

Avish-Khebrehzadeh-a-VOLUME-3

Il tempo di cui tratta il lavoro di Khebrehzadeh è un tempo interiore. Il titolo della mostra Time Past Hath Been Long è una citazione di sant’Agostino, che svela l’interesse dell’artista per gli scritti del filosofo. A sant’Agostino infatti, si deve uno studio del tempo come fenomeno esistente esclusivamente nell’anima. L’artista iraniana si lascia quindi ispirare da questa teoria rivolgendo lo sguardo alle stelle. Così come nell’uomo il vissuto lascia un ricordo, l’uomo, alzando lo sguardo verso le stelle, percepisce la luce che esse produssero milioni di anni fa. È una riflessione sul tempo che inevitabilmente si intreccia con la memoria. Nei suoi disegni Khebrehzadeh utilizza le costellazioni «come una forma di puzzle del pensiero che potesse aiutarci a collegare i vari punti e semplificare i sentimenti complessi», così come ripercorrendo la nostra memoria personale siamo portati a collegare diversi momenti del nostro vissuto. Ribadisce l’artista in un dialogo con la curatrice Claudia Gioia: «Secondo me la percezione del tempo è un elemento fondamentale dell’esperienza umana. Molti dei nostri sentimenti e delle nostre emozioni sarebbero inconcepibili se non li relazionassimo allo scorrere del tempo; speranza, amore, paura, gioia, non esisterebbero se ciascuno di noi non avesse ricordo del passato o aspettative per il futuro.»

Affrontando il tema dell’astronomia e di trattati del medioevo persiano, è inevitabile che ci vengano in mente gli studi di Panofsky e Saxl. Essi nei primi anni ’30 analizzavano l’iconografia mitologica in ambito astronomico del mondo arabo e di quello europeo, comparando l’immaginario orientale e quello occidentale e, di fatto, creavano un collegamento tra i due. I due mondi convivono nella personalità di Avish Khebrehzadeh, che nella sua ricerca rilegge il tempo come fenomeno interiore, e quindi in qualche modo strettamente connesso alla propria identità.

Anna Brancato

Time Hath Been Long
Avish Khebrehzadeh
A cura di Claudia Gioia
Fondazione Volume!
Via San Francesco di Sales 86/88
12 apirle-17 maggio
Dal martedì al venerdì dalle 17:00 alle 19:30/ sabato su appuntamento
www.fondazionevolume.com
www.avishkhebrehzadeh.com