Ronald Searle. Storia di un talento della caricatura

Ronald Searle. Storia di un talento della caricatura

FIGURIAMOCI

Il nostro immaginario si plasma sull’illustrazione fin da quando siamo bambini. Quando non incollati alla televisione, nei casi più ottimistici, il bambino e la bambina hanno per le mani un libro le cui figure rimarranno loro impresse nel subconscio. Si cresce con le illustrazioni dei libri di scuola, con i fumetti, con le riviste, con le vignette nei periodici.

Passando in rassegna autori significativi della storia dell’illustrazione, probabilmente si potranno individuare gli archetipi delle immagini di cui siamo circondati attualmente. Guardando un disegno che eventualmente abbiamo visto da piccoli, abbandonandoci all’evocazione, sapremo capire perché oggi un’immagine ci emoziona e un’altra no.

_________________________________________________________

Ronald Searle

Cosa accadrebbe se lo scultore Giacometti incontrasse Olivia di Braccio di Ferro? E se Edgar Allan Poe s’imbattesse in Heminguay? Se invece Giulio Cesare incontrasse Charles De Gaulle? Ronald Searle, l’autore di cui ci accingiamo a parlare, l’ha immaginato e trasposto in disegni. Crossed Paths, è una raccolta di sue vignette pubblicate dal New Yorker alcuni decenni fa, in cui personaggi appartenenti a mondi, luoghi e periodi differenti, s’incontrano generando situazioni grottesche, paradossali, a tratti esplosive. Una sola scena, quella dell’incontro, in cui i personaggi, dai tipici tratti caricaturali, sono colti in azioni esagerate: l’effetto è sorprendente e ironico. E “sorprendente” e “ironico” sono due tra gli attributi più opportuni per tutto il lavoro di Ronald Searle.

"Crossed paths"

Ronald Searle”Crossed paths”

Nato a Cambridge nel 1920, Searle iniziò a disegnare in guerra, precisamente mentre era di stanza a Singapore. Lì fu fatto prigioniero nella prigione di Changi, e la situazione drammatica che lo circonda rende urgente la sua necessità di espressione. Disegna i suoi compagni e i soldati nemici, volendo risolutamente documentare ogni cosa. Più tardi, ormai anziano, afferma che il suo desiderio, in quella circostanza, era quello di rendere partecipe la gente dei fatti di guerra: un’ esigenza giornalistica, insomma. L’esito rappresenta piuttosto un grande risultato dal punto di vista artistico, perché Searle si specializza su tutte le sfaccettature della figura umana, e mette in luce il suo straordinario talento per il ritratto.

Dopo la guerra inizia a lavorare per diverse riviste e come cartoonist, e il suo lavoro fa presto il giro del mondo. Fin dagli anni ’50 lavora per le testate Holiday, Life e Punch, e in seguito per New Yorker e Sunday ExpressSt. Trinian’s School, è una delle opere che gli conferiscono il successo: un’animazione ambientata in un convitto femminile, in cui le allieve sono teppiste e le insegnanti sadiche. Nel 2007, da questo soggetto nasce un film made in U.S.A, con l’omonimo titolo.

Morbid anatomies

Ronald Searle, “Morbid anatomies”

E’ su Holiday, intorno agli anni ’60, che appare una delle opere più notevoli: le Morbid Anatomies. Ronald Searle disegna sotto forma di disegno anatomico alcuni tipi umani, le cui caratteristiche sono messe accuratamente in evidenza da frecce e note ironiche. Ecco allora che il giornalista, l’artista, il pittore, il ballerino, il boy scout, il militare, la dama aristocratica, vengono disegnati con stupefacente libertà e fantasia, e divengono raffinatissime caricature. La capacità caricaturale e ritrattistica viene portata da Searle a estrema maturazione. Dal suo pugno escono infatti ritratti di svariati personaggi politici, come Churchill o Chruščëv, pubblicati con successo sulle riviste per cui lavora.

Searle si fa anche esecutore di animazioni per titoli di testa e coda dei film e compie un’animazione commissionata dalla Standard Oil Company nel 1957, per narrare le capacità dell’uomo di produrre energia. Quest’ultima, Energetically Yours, è interamente reperibile su YouTube, leggermente sbiadita, ma godibilissima.

Ronald Searle, "Chruščëv"

Ronald Searle, “Chruščëv”

L’ironia e la grande capacità si osservazione che l’autore britannico riserva al genere umano, sono molto peculiari: egli è mordace, tagliente, non ne fa passare una, ma il suo approccio è in fin dei conti sempre benevolo, confidenziale, ridanciano. Di questo tono sono i ritratti di quelli che l’autore considera i più importanti caricaturisti della storia dell’arte, alla fine degli anni ’70, incisi su una serie di medaglie e su monete apposite: Annibale Carracci, Hogarth, Rowlandson e altri, vengono immortalati da Searle con l’ironia che si riserva ai contemporanei, e perdono il timbro altisonante dato dalla loro storicità.

Ronald Searle è morto nel 2011, e in un’intervista televisiva fatta in vecchiaia, afferma che solitamente un bicchiere di champagne accompagna il suo processo creativo. Nel guardare le sue geniali illustrazioni quel frizzante alcolico si sente, eccome.

Anna Brancato

Blog che raccoglie molto prezioso materiale su Ronald Searle: http://ronaldsearle.blogspot.it/

Energetically Yours: https://www.youtube.com/watch?v=oy0oE4vMk-k&t=3s

Intervista a Ronald Searle: https://www.youtube.com/watch?v=CAphPpFa-sc&t=25s